.
Annunci online

  LopinionediFabio [ Sito di opinioni politiche personali.. ]
         

Ricerca personalizzata

Per non dimenticare chi ha ordinato l'EDITTO BULGARO (Silvio Berlusconi) e chi l'ha eseguito (IL CDA RAI nominato da tutto il centrodestra): «Quest’uomo lo hanno ucciso: è stato un ostracismo. Non c’è spiegazione per questo modo di agire. Il “Fatto” resterà come esempio classico nella storia della tv pubblica. La Rai cancellandolo ha perso di stima. A Biagi hanno teso un tranello, e parlo come amico di Enzo ma anche come uomo che conosce la realtà. La verità è che Biagi non era utile a qualcuno e quindi lo hanno abbandonato» Cardinale Ersilio Tonini in collegamento con la trasmissione «AnnoZero», ApCom 9 novembre
Free Burma!




























 


2 luglio 2007

Michele Serra: aumento per le pensioni minime, insediamento del nuovo leader laburista Brown e la vocazione della sinistra...

Circa 50 euro al mese di aumento per le pensioni minime (più 250 euro di arretrati) sono pochi ma non pochissimi. E comunque sono un piccolo segno di attenzione per quelli che una volta si chiamavano poveri. La sinistra-sinistra non gode di buona fama, ultimamente, perché il suo alto tasso di rumorosità e di litigiosità soverchia più del lecito il suo peso elettorale. Ma in questo caso ha chiesto e ottenuto qualcosa che restituisce senso, e dignità, a tutto il governo di centrosinistra. Ho sentito quasi per intero il discorso di insediamento del nuovo leader laburista Brown, e mi ha colpito la fortissima impostazione sociale, nel solco della tradizione fabiana, socialista e laburista. Nessuno si sognerebbe di definire Brown "antagonista" o "radicale", eppure nelle sue parole c’erano più Welfare, più sanità pubblica, più uguaglianza, più attenzione per i deboli che in tutti i discorsi dei governanti italiani messi assieme. Forse perché siamo distratti da magagne solamente nostre (il clericalismo risorgente, una legge elettorale oscena, un debito pubblico ancora molto minaccioso, Berlusconi), abbiamo una sinistra che deve rifare memoria dei propri scopi e della propria funzione. Le persone che stanno male, un tempo, guardavano in larga maggioranza a sinistra come se fosse la loro rappresentanza naturale. Oggi molto di meno. Se non per vocazione, almeno per realismo politico, i capi della sinistra italiana si ricordino che anche i poveri votano.




permalink | inviato da lopinionedifabio il 2/7/2007 alle 14:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa



26 giugno 2007

Morti bianche in diminuzione ma sono ancora troppe...

Quando si parla di morte non ci si può mai rallegrare però il dato sulle morti bianche nel 2007 è in diminuzione. Sono già 500 i morti sul lavoro, se la tragica frequenza degli incidenti mortali nei luoghi di lavoro di questi primi sei mesi del 2007 dovesse mantenere lo stesso ritmo, il risultato di fine anno risulterà inferiore a quelli del 2005 (1.206 morti) e del 2006 (1.280). E attenzione: presto gli infortuni sul lavoro potrebbero diventare reati penali non soltanto per i dirigenti responsabili ma anche per le aziende. Qualcosa è cambiato, dopo gli anni del disinteresse. Non soltanto nell'attenzione dei mezzi di informazione, in buona parte dovuta al deciso intervento del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Con l'insediamento del governo di centrosinistra sono subentrate anche alcune novità che hanno già prodotto i primi risultati: le nuove norme inserite nel "decreto Bersani" dal ministro del Lavoro, Cesare Damiano, hanno portato alla sospensione, tra il 12 agosto 2006 e il 31 marzo 2007, di 999 cantieri edili in cui gli ispettori ministeriali hanno rilevato situazioni irregolari. Tra gli altri, il risultato di questa nuova formula di attività ispettiva è stato di un aumento vistoso delle assunzioni regolari dei lavoratori con 94.000 nuovi iscritti all'Inail. Non si tratta di un fatto irrilevante per la sicurezza, perché il settore dell'edilizia è uno dei più martoriati e, guarda caso, il 22% degli infortuni mortali ha finora coinvolto operai al "primo giorno" di lavoro. Cioè lavoratori in nero regolarizzati soltanto dopo la tragedia. E con la legge finanziaria la norma che impone di denunciare l'assunzione almeno un giorno prima dell'inizio dell'attività (e non più entro il quinto giorno) è stata estesa a tutti i settori produttivi. Parallelamente è partita la revisione della legge degli appalti, perché le denunce dei sindacati (Fillea-Cgil in testa) hanno evidenziato come il meccanismo perverso del massimo ribasso e la berlusconiana trovata del "general contractor" favoriscano un'infinita e incontrollabile catena di subappalti che apre spazi a imprese che sacrificano la sicurezza dei propri dipendenti pur di accaparrarsi un cantiere. Ma la novità legislativa più importante è il Testo unico sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Speriamo arrivi in fretta!!!
Fabio.




permalink | inviato da lopinionedifabio il 26/6/2007 alle 13:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa



20 giugno 2007

Vi sembra giusto che il 54% delle PMI abbiano ricavi per 193 mila euro all'anno ma poi ne denunciano 10.500? Meno di un metalmeccanico...

Ho sempre pensato che la causa dell'aumento dei prezzi sia da attribuire principalmente ai commercianti e al governo di centrodestra che allora non vigilò. Ieri i benzinai e qualche commerciante ha inscenato una protesta organizzata nei confronti del governo e io mi chiedo: è possibile che Il 53,8% dei lavoratori autonomi e delle piccole-medie imprese (pmi) sottoposte agli studi di settore dichiarano ricavi per 193.600 euro all'anno, ma poi denunciano al fiscoun imponibile su cui pagare le tasse di 10.500 euro, ossia 875 euro almese, meno di un operaio metalmeccanico? I dati emergono dalle ultime elaborazioni dei dati degli studi disettore effettuate dal ministero dell'Economia sui redditi del 2005diffusi dal vice ministro Vincenzo Visco. I lavoratori autonomi e lepmi in linea con i calcoli del fisco sono invece il 39,4% del totale edichiarano mediamente 45.800 euro. E' davvero molto strano che il 54% dei commercianti abbia ricavi per 193 mila euro all'anno ma poi ne denunciano 10.500, meno dei metalmeccanici che, è bene ricordarlo, pagano tutte le tasse direttamente in busta paga...
Secondo voi è giusta una cosa del genere?



Create polls and vote for free. dPolls.com




permalink | inviato da lopinionedifabio il 20/6/2007 alle 0:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (43) | Versione per la stampa



4 giugno 2007

La cura Visco fa il pieno di entrate grazie al decreto anti evasione e anche l'Ocse se ne accorge..

Nelle casse dello Stato stanno arrivando sempre più soldi, grazie alla politica del centrosinistra il tesoretto aumenta. Rispetto allo stesso mese del 2006 gli introiti fiscali sono aumentati del 7,6% che sale all'8,2% se si tiene conto del gettito derivato da giochi e lotterie. Questa è la politica di Visco che io lodo e apprezzo: nell'edilizia vi è stata un'emersione da lavoro nero di 90 mila lavoratori che ora lavorano in regola, la percentuale dell'extragettito ha di fatto quasi doppiato la crescita del PIL, nei prossimi mesi grazie a questa politica si proseguirà con il risanamento e riduzione come ci chiede l'OCSE e l'Unione Europea. In più 5 miliardi di euro saranno destinati ad aiuti alle famiglie, alle pensioni più povere, agli ammortizzatori fiscali ed altro. Sarà per questo che la destra, dopo aver lasciato vuote le casse dello Stato ed aver lasciato un rapporto deficit-pil al 4%, sta chiedendo insistentemente le dimissioni del Governo? Vorrebbe usufruire della maggiore cassa fatta dal centrosinistra per sperperare il tutto?
E dall'OCSE arriva anche il plauso perchè le norme antievasione sono strutturali quindi destinate a durare nel tempo come ho scritto su http://www.officinademocratica.ilcannocchiale.it/
Fabio.




permalink | inviato da il 4/6/2007 alle 14:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (64) | Versione per la stampa



26 aprile 2007

Lavoro nero:ottimi risultati del Governo! Ecco il confronto tra il primo trimistre 2006 (ultimo del governo di destra) e il primo trimestre 2007..

Sfiorano i 400 milioni i contributi evasi recuperati nei primi tre mesi del 2007 grazie all'azione contro il lavoro nero. E' stata condotta dal ministero del lavoro, Inps e Inail e ha permesso una crescita dei contributi del 31% rispetto allo stesso periodo del 2006. Quasi 100mila nuovi operai edili assunti in 8 mesi e 999 cantieri chiusi per "sospensione lavori", decretata per irregolarità nell'uso dei lavoratori. Sono i risultati, per l'edilizia, delle ispezioni del ministero del Lavoro e delle denunce assicurative presentate all'Inail. I dati, presentati in occasione della 'Giornata nazionale della lotta al lavoro sommerso' dal Governo sono davvero buoni e viene evidenziata che lavorando seriamente si ottengono risultati. Nei primi tre mesi dell'anno poi gli occupati in edilizia sono stati 12.646 in più rispetto a gennaio-marzo 2006, mentre i contributi riscossi dall'Inps nello stesso periodo sono aumentati di 10,685 milioni di euro. Il ministero del Lavoro, dice Damiano, in tre mesi ha scoperto il 70,67% di lavoratori irregolari in più rispetto a quelli che aveva individuato nel gennaio-marzo 2006.
Aumentano anche i posti di lavoro per chi si occupa delle ispezioni:
Dai 2.019 dell'aprile scorso, infatti, gli ispettori civili del ministero del Lavoro sono cresciuti progressivamente, e a luglio diventeranno 3.130 (+55%). In estate poi aumenteranno di 60 unità anche i carabinieri addetti ai controlli (da 543 a 603) e il personale del Ministero per le attività ispettive sarà aumentato così, in poco più di un anno, del 47,5%.
Sono contento perchè ho sempre pensato che con una buona lotta all'evasione aumentano le entrate per lo Stato e conseguentemente chi ha sempre pagato avrà una minore pressione fiscale, un aumento delle pensioni minime e più ammortizzatori sociali per i precari.... Resto in attesa di sapere come verrà utilizzato il "tesoretto", per ora mi complimento per i risultati con il Governo..
Fabio.
PS: Chi vuole continuare a votare i leader per il Partito Democratico basta che scende un pò con la freccia.....




permalink | inviato da il 26/4/2007 alle 19:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (30) | Versione per la stampa



13 aprile 2007

Belle parole (di sinistra) sul tesoretto.. ora aspettiamo le decisioni, convinto che si passerà dalle parole ai fatti...

Belle parole quelle che ha scritto Romano Prodi, io non dubito che si passerà dalle parole ai fatti ma credo che bisogna fare in fretta delle proposte concrete.
Prodi afferma: "Due di queste tre parti (il 66%) andranno a favore di chi, lavoratore, pensionato o disoccupato, affronta con maggiore difficoltà il cammino della propria esistenza. Troppe sono le persone che non riescono ad arrivare alla fine del mese e troppe sono le famiglie che non riescono a costruire un futuro per i propri figli. E a loro va il primo e più corposo pensiero. Il restante terzo  andrà alle imprese e alle politiche per la crescita, lo sviluppo e gli investimenti in infrastrutture di una economia che si sta risanando ma che ha ancora bisogno di stimoli e di incentivi, soprattutto alla ricerca, all'innovazione e al rilancio delle risorse umane.Stimoli e incentivi che si sommano al forte aiuto della riduzione delle tasse sul lavoro che comincerà a produrre i propri effetti già dal 1 luglio di quest'anno". Prodi preferisce chiamare il tesoretto: "La meritata 'ricompensa' di quanto fatto dai cittadini, dai lavoratori e dalle imprese in questi primi 11 mesi di legislatura".
Prodi, nella sua lettera, compie delle riflessioni sulla nostra economia:
1) Le buste paga dei lavoratori dipendenti in Italia sono le più basse dell'Europa a 15 escluso il Portogallo.
2) I dirigenti delle imprese italiane hanno goduto, nel 2006 di aumenti medi di retribuzione del17%rispetto al 2005, cioè circa8volte il tasso di inflazione.Quando cominciai i miei studi di economia ci si scandalizzava giustamente se le differenze tra salario minimo e massimo in un'azienda erano di 1a50, mentre oggi, quando la differenza è tra 1e500, si alzano le spalle perché questa è considerata la regola del mercato.
3) Sono esplosi i costi complessivi della politica sia a livello centrale sia a livello locale. Essi sono nettamente superiori a quegli degli altri paesi europei.
4) Nei mesi scorsi il cammino verso il risanamento economico e finanziario è stato portato avanti con passo accelerato, sia per il controllo della spesa sia per le maggiori entrate dovute per una parte fondamentale ad una progressiva azione contro l'evasione fiscale".
UN'ANALISI SCHIETTA E SINCERA CHE HO APPREZZATO MOLTO....
Fabio.




permalink | inviato da il 13/4/2007 alle 14:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa



4 aprile 2007

Il popolo delle Primarie parteciperà direttamente alla Costituente del PARTITO DEMOCRATICO..E intanto grazie al Governo cala l'evasione..

Non solo gli iscritti ai Ds e alla Margherita ma l’intero «popolo delle primarie» dovrà essere coinvolto nella fase costituente del Partito democratico. Questo è stato deciso dai deu maggiori Partiti dopo le pressioni della "base". L'elezione sarà «elezione aperta» sul modello delle primarie del 16 ottobre 2005 e del principio «una testa un voto».In questo modo ci sarà un buono spazio a chi non è iscritto ai Partiti e questa è davvero una buona notizia per coinvolgere la società civile. Ora deve essere messo nero su bianco e bisogna attendere i Congressi perchè siano superate le resistenze dei Partiti. Avvenisse ciò sarebbe un gran risultato per la gente comune che ha il desiderio di partecipare a migliorare il proprio Paese...
Ps: Finalmente una buona notizia, cala l'evasione fiscale in Italia mentre crescono le verifiche ispettive. Nel 2006 la guardia di finanza ha individuato 16,8 miliardi di imponibile sottratti al fisco contro i 19,4 miliardi del 2005. Il tutto a fronte di un aumento dei controlli del 14%. Si tratta del secondo miglior risultato degli ultimi sette anni. Ecco cosa dice il comandante delle Fiamme Gialle, generale Roberto Speciale: Il decreto legge Visco-Bersani «ha dato una grande accelerazione nella lotta all'evasione, ci ha dato strumenti di cui avevamo molto bisogno: senza sanzioni e certezza della pena è difficile lavorare».
Fabio.




permalink | inviato da il 4/4/2007 alle 14:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (26) | Versione per la stampa



16 febbraio 2007

ECONOMIA ITALIANA, molte buone notizie, c'è da essere ottimisti....

PER:
http://www.officinademocratica.ilcannocchiale.it/
Leggi e commenta se ti va...
fabio.




permalink | inviato da il 16/2/2007 alle 7:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa



6 dicembre 2006

Grazie a questa finanziaria: Lotta all'evasione = Meno tasse...

vincenzo visco viceministro economia ds ansa 220 (Vincenzo Visco, viceministro dell'economia)

Con un emendamento promosso da Morando dei Democratici di sinistra si modifica una parte dell' articolo 1 della finanziaria specificando che «le eventuali maggiori entrate derivanti dalla lotta all' evasione fiscale», visto che risulteranno eccedenti rispetto a quelle previste per risanare i conti pibblici e risanare il deficit, sono destinate, qualora permanenti, a riduzione della pressione fiscale, dando priorità a misure di sostegno del reddito di soggetti incapienti ovvero appartenenti alle fasce di reddito più basse». La valutazione delle maggiori entrate dovrà essere presentata dal ministro dell´Economia entro il 30 settembre di ogni anno. I dati sono buoni, nel secondo semestre dell'anno, secondo Visco, le entrate hanno fatto registrare un aumento del gettito rispetto allo stesso periodo del 2005 tra il 9 e il 10%. Cresce l'Ires, l'aumento del gettito Iva e l'incremento delle ritenute alla fonte sul lavoro dipendente che testimonierebbe a suo giudizio «un processo di emersione» delle attività economiche sommerse. OTTIMO SOPRATTUTTO L'ULTIMO ASPETTO...
Questa è una misura di sinistra che fa ben notare la differente concezione fra destra e sinistra..... Ottima anche, sempre nella finanziaria, l´abolizione del ticket per i "codici verdi" al pronto soccorso e la reintroduzione degli incentivi per la rottamazione dei veicoli inquinanti.
ps: La giunta delle elezioni ha deciso che si riconteranno le schede bianche e nulle.... Staremo a vedere....
Fabio.




permalink | inviato da il 6/12/2006 alle 20:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa



7 ottobre 2006

MICHELE SERRA sullo spostamento di qualche euro dai rediti piu alti a quelli piu bassi..

Si capisce che i soldi sono importanti, eccome. Specie se non se ne hanno molti. Eppure, colpisce lo spettacolo (ricorrente) della impetuosa reazione di ceti e individui di fronte a qualunque spostamento di aliquote fiscali, o ritocco dei redditi. Come se la sensibilità politica delle persone constasse, oramai, solamente di una tignosa e addolorata contabilità. Cinquecento o mille euro all’anno in meno o in più incidono sulle nostre vite più (per esempio) dell’aria velenosa che respiriamo? (Milano, in questi giorni, è una gabbia letale). Incidono di più della pessima qualità dei rapporti civici, in comunità deteriorate? O della maleducazione dilagante, della violenza in polvere che respiriamo insieme al resto? O della vita di merda che milioni di persone si infliggono per raggranellarli, quegli euro? Non se ne parla più. Tutto è dato per scontato. Solo i quattrini riescono ancora a dare un tono udibile alla politica, che altrimenti è muta di fronte a una cittadinanza di sordi. Così, stamattina o domattina o quando vi pare, negli ingorghi purulenti che ci trasportano come mandrie a lavorare nelle città, faremo di conto, minuziosamente, con le mani al volante, su quanto ci resta, quanto ci tolgono, quanto ci servirebbe. Ma per farne che cosa, per andare dove, per essere chi? Queste sono domande che abbiamo smesso di farci da un tempo così lungo che fa paura solo pensarci.
Ps: Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato alla discussione sulla finanziaria nel post precendente! Continuate cosi'...
Fabio.




permalink | inviato da il 7/10/2006 alle 14:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa



2 ottobre 2006

Legge Finanziaria, una buona legge che favorisce il 90% degli italiani...

La legge finanziaria presentata dal Governo posso definirla di sinistra ma che non guarda alla sinistra massimalista che la chiedeva di 26miliardi e invece sarà di 33,4 miliardi..
Non mi piacciono le minori risorse verso gli enti locali ma in Parlamento è stato deciso che si modificherà mentro trovo giusto che
verranno introdotti dei ticket in cifra fissa (23 euro per le visite e 18 per gli esami clinici) nei casi di chi si reca al pronto soccorso in "codice bianco", cioè senza palese urgenza. Esclusi, comunque, da tutti i ticket, gli esenti. Le regioni che non riusciranno a stare nelle loro quote saranno costrette a introdurre ticket anche sui medicinali (mi auguro che non ci si debba ricorrere e che le Regioni si comportino virtuosamente)
1) Con la nuova irpef per 36milioni di italiani (il 90%) ci saranno vantaggi e maggiori sgravi mentre da chi guadagna oltre 50.000 euro ci saranno piu' tasse ma nell'ordine di 40euro in piu' al mese, dite che uno che guadagna 50.000 euro in un anno non puo' contribuire con 40 euro in piu all'efficenza del Paese?
2) Arriva il promesso cuneo fiscale, praticamente diminuirà il costo del lavoro per le imprese e i dipendentiavranno piu' soldi in busta paga. La promessa fatta in campagna elettorale è stata mantenuta.
3) CAPITOLO AMBIENTE A ME CARO A)gli inquinantissimi SUV saranno tassati ma chi acquisterà una nuova macchina euro4(poco inquinante) non pagherà il bollo per 5 anni. B) incentivi per chi rottama frigoriferi e caldaie inquinanti e ne acquista di nuovi. C) Forti incentivi per chi decide di installare pannelli solari o utilizza energie alternative.
4) Mi piace l'idea di poter detrarre i costi dei propri figli nelle attività sportive, ottima idea, SI DEVE INCENTIVARE LO SPORT FRA I GIOVANI DAI 5 AI 18 ANNI.
5) STUDENTI UNIVERSITARI:
Gli studenti universitari fuori sede potranno usufruire di una detraibilità al 19% del canone di locazione fino ad un massimo di 500 Euro. ottimo!
6) vengono tassate le rendite finanziarie tutte al 20%, chi ha un conto corrente ci guadagna, chi acquisterà nuove obbligazioni o azioni perderà qualcosina ma cifre limitate.
Trovo sia una buona legge che privilegia chi si è impoverito in questi anni (il ceto medio e il ceto basso) e fa contribuire maggiormente alle spese del Paese chi ha maggiori disponibilità finanziarie.
Fabio.




permalink | inviato da il 2/10/2006 alle 21:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (63) | Versione per la stampa



3 agosto 2006

Un buon esempio dal ministero estendibile a tutti i lavoratori nei Call Center?

Call center uguale lavoro precario. Ma L'operatore di call center sfruttato e sottopagato "rischia" di scomparire dalla scena lasciando il posto a professionisti regolarizzati.
Parte, infatti, con sedici contratti a tempo indeterminato il piano del ministero del Lavoro per la regolarizzazione dei lavoratori nei call center. Ad essere assunti proprio i dipendenti del dicastero. A dare l´esempio Cesare Damiano, a capo del ministero che ha dichiarato:« Bisogna mettere ordine in casa per riportare il sistema alla massima regolarità».
Che sia dunque un avvio graduale verso un percorso di emersione e di stabilità del lavoro? Queste sembrano essere le intenzioni del ministro Damiano che ha ricordato come per troppo tempo quello dei call center sia stato uno dei settori più minacciati dall´ instabilità e dalla totale mancanza di regole appropriate: «abbiamo scelto i call center per iniziare, un piccolo passo verso la regolarizzazione di un settore che conta 250mila dipendenti e dove la precarietà la fa da padrone».
Ma nelle intenzioni di Damiano non ci sono solo i contratti regolari, si parla anche di più controlli per iniziare quella che il ministro annuncia essere una vera lotta al lavoro sommersoe alla precarietà. Da settembre, infatti, partiranno le ispezioni del ministero in oltre 600 aziende che gestiscono gli operatori di call center con l´intento di far conoscere a tutti i datori di lavoro le nuove regole contenute nella circolare diffusa dal dicastero di Damiano. I controlli verificheranno chi fa lavoro subordinato senza avere un contratto a tempo indeterminato.Nel frattempo sindacati e imprese siederanno a un tavolo per formulare accordi su una normativa a favore dell´emersione graduale dei lavoratori.
Sulle orme del ministero del lavoro, Poste Italiane che nelle prossime settimane procederà alla stabilizzazione dei lavoratori dei call center di Inps, Inail, Consip, Enel, gestiti in appalto. «Scoraggiare l´uso sbagliato della flessibilità perché la flessibilità deve esserci quando ce n'è bisogno». Così replica Damiano a chi contesta i provvedimenti, « questo è uno dei punti di forza per la lotta al precariato, abbiamo anche intenzione di ridurre la forbice tra i contributi che si pagano per il lavoro precario, il 33% e quelli che si pagano per il lavoro a tempo indeterminato che pesano per circa il 40% in modo tale da rendere meno vantaggioso il primo». Un esercito di 250mila lavoratori potrebbe dire basta al precariato cronico, ma Damiano ricorda che il progetto è all'inizio anche se non dimentica che questo passo potrà cambiare e di molto la condizione lavorativa di numerose persone.




permalink | inviato da il 3/8/2006 alle 15:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa



1 giugno 2006

il deficit pubblico dai primi anni 90 ad oggi...

L’Unione Europea dice all’Italia che deve rientrare nei parametri europei sul deficit: il centrosinistra dice che la situazione è grave dopo 5 anni di governo di centrodestra, il centrodestra grida allo scandalo e dice che è semplicemente una scusa per aumentare le tasse. In questi casi i dati sono la miglior risposta per vedere chi ha effettivamente ragione:
Dal 1991 ad  oggi il DEFICIT in percentuale del PIL è andato così:

1)     1991:  10,2% 2)      1992:   9,5% 3)      1993:   9,4% 4)      1994:   9,3% 5)      1995:   7,6% 6)      1996:   7,1% 7)      1997:   2,7% 8)      1998:   2,8% 9)      1999:   1,7% 10)  2000:   1,9% 11)  2001:   3,1% 12)  2002:   2,9% 13)  2003:   3,4% 14)  2004:   3,4% 15)  2005:   4,1% 16)  2006:   4,5-4,8% stima


IN SOSTANZA:

a)      i parametri europei sono del 3% .. se non si rientra in questi parametri o possono esserci rinvii o si viene sanzionati dall’Unione Europea.

b)      Il drastico calo del deficit è avvenuto nel 1997 grazie al Governo PRODI, non ci fosse stato questo rientro nei parametri l’Italia non sarebbe entrata nell’Unione Europea e, con i crac Cirio e Parmalat, avremmo rischiato la crisi argentina con il default per i bond

c)      Da notare che il deficit è tornato a salire decisamente durante i 5 anni di Governo di centrodestra, soprattutto dal 2003 in poi, quindi se attualmente si è costretti a ridurre la spesa e operare dei tagli la colpa è della politica del Governo Berlusconi.
Con i dati non si può mentire anche se si cerca di imbrogliare i cittadini, basta leggerli… Fabio.




permalink | inviato da il 1/6/2006 alle 20:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa



29 marzo 2006

Ecco cosa scrive NEWSWEEK, uno dei più importanti periodici internazionali...

1)“Durante il governo Berlusconi la quarta economia europea è diventata l’anello più debole dell’Europa. Da un già anemico tasso di crescita dell’1,8% del 2001, l’Italia è scesa allo 0% dello scorso anno. Niente!”
2)“La bilancia commerciale italiana ha superato i 10 miliardi di euro di deficit nel 2005, un risultato dovuto sia all’aumento del costo dell’energia, sia alla crescita del costo del lavoro. Il deficit di bilancio delle nazioni europee non dovrebbe superare il 3% del prodotto interno lordo. Molte nazioni lo hanno superato, ma l’Italia, intorno al 4%, è tra le peggiori”.
3)“Il Cavaliere non ha fatto nella sostanza nessuno sforzo per introdurre serie riforme per invertire il declino economico dell’Italia. “Durante i suoi cinque anni non sono avvenute né grandi privatizzazioni, né riforme strutturali”, dichiara Boeri della Università Bocconi di Milano, “La sua idea è di aumentare la spesa pubblica e di tagliare le tasse per rivitalizzare la domanda”. Non ha funzionato. Numerosi uomini di business europei sono preoccupati che in futuro l’economia italiana si deteriori al tal punto da costringere l’Italia ad uscire dall’euro”.
4)“Si confronti la crescita zero dell’Italia con quella delle altre nazioni europee: Spagna 3,4%, U.K. 1,8%, Francia 1,4%”.
 
Non ho altro da aggiungere se non dire che c'è anche una bella critica alla nuova legge proporzionale fatta per rendere difficile la governabilità...... Rimando al sito www.beppegrillo.it per il commento completo..... Fabio.




permalink | inviato da il 29/3/2006 alle 19:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa



21 marzo 2006

Questo è il figlio del mio Presidente (Sampdoria): EDOARDO GARRONE (ERG)..

Edoardo Garrone riguardo all'intervento di Berlusconi in Confindustria:"Lo dico francamente: l'altro giorno, a Vicenza, mi sono vergognato di essere italiano. Di politica adesso non voglio parlare e ci sarà tempo per commentare i risultati del 9-10 Aprile".
Ogni ulteriore mio commento è superfluo.... Fabio.




permalink | inviato da il 21/3/2006 alle 18:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa



16 marzo 2006

Ecco dove ci ha portato il centrodestra(non solo berlusconi ma anche fini, casini e bossi...)...PARLA BANKITALIA..

Flebili segnali di ripresa che non bastano a segnare una svolta rispetto ai troppi problemi del Paese: il calo dell’occupazione, l’aumento del debito pubblico, il ristagno della produzione industriale. È opaca l’immagine del sistema Italia offerta dal bollettino economico della Banca d'Italia, primo dell’era Draghi. Tutto sembra tornato indietro a dieci anni fa, e va peggio di allora. Per tornare a crescere, si legge, servono «occorrono azioni di lunga lena volte a modificare incisivamente la struttura produttiva e l' ambiente regolamentare e di mercato in cui essa opera». Così com’è l’economia italiana non mostra «ancora un superamento del divario di crescita di cui l'economia italiana soffre, non solo rispetto alle aree più dinamiche del mondo, ma anche rispetto agli stessi grandi paesi dell'area dell'euro, pure attardati nel confronto internazionale».«Secondo le previsioni della commissione europea e di consensus – afferma Bankitalia - l'economia italiana dovrebbe crescere nella media del 2006 a un tasso di poco superiore all'1%». Ma, intanto, nei primi mesi del 2006 si assiste a «un sostanziale ristagno della produzione industriale». Non solo. Nel 2005 l' occupazione in Italia, pure essendo cresciuta dello 0,2% nel numero di persone occupate, se calcolata sulla base dei posti di lavoro a tempo pieno è diminuita per la prima volta dal 1995: meno 0,4%. Colpa di una vera e propria esplosione di lavori part time. Fra i giovani compresi tra i 15 e i 29 anni, un lavoratore su quattro è precario, percentuale che sale addirittura al 49,8% per i neoassunti.Ma il dato più inquietante riguarda il debito. Quello pubblico che torna a crescere dopo 10 anni di riduzione e cresce anche più del previsto: più 2,6%, 103,8% registrato nel 2004 al dal 106,4%. Quello delle famiglie che negli ultimi dieci anni è quasi raddoppiato «raggiungendo il 30% del Pil nel settembre 2005 (erano il 18% nel 1996)».




permalink | inviato da il 16/3/2006 alle 20:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa



2 marzo 2006

Mentre berlusconi si fa fare 1 spot elettorale da chi esporta la democrazia con la guerra..L'ISTAT..

Crescita zero per l'economia italiana nel 2005. Lo rende noto l'Istat in un comunicato precisando che la crescita del Pil, valutata ai prezzi dell'anno precedente e concatenati al 2000 (anno di riferimento), è risultata pari a zero.L'indebitamento netto della pubblica amministrazione, cioè il deficit calcolato in rapporto al Pil, è aumentato nel 2005 arrivando al 4,1%. «L'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil nel 2005 - segnala l'Istat - è risultato pari al 4,1% rispetto al 3,4% dell'anno precedente. In valore assoluto è aumentato di 10.265 milioni di euro, attestandosi sul livello di 57.917 milioni».Sono stati persi circa 102.000 unità di lavoro, ovvero di posti a tempo pieno. L’istituto di statistica ha specificato che nel 2005 l'occupazione - espressa in termini di unità di lavoro al netto della cassa integrazione - ha segnato un calo dello 0,4%.
Dal punto di vista settoriale si registra un crollo nell'agricoltura (-8%) e una diminuzione nell'industria (-1,6%) mentre cresce l'occupazione nelle costruzioni (+2,3%) e nei servizi (+0,3%).
Un duro attacco alla politica economica attuata dal governo è giunto dal presidente dei Ds, Massimo D'Alema. «Ci sono due numeri - spiega D'Alema - che rendono chiara l'opera del Governo Berlusconi: nel 2005 l'Italia è cresciuta dello 0%, cioè assoluta stagnazione economica. Invece i profitti dell'azienda di Berlusconi si sono moltiplicati per due e hanno raggiunto il massimo storico, in particolare i profitti personali sono pari a 390.000 euro al giorno».«Allora l'Italia - spiega ancora D'Alema - ha guadagnato zero, Berlusconi invece ha guadagnato come mai aveva guadagnato in vita sua. Il che ci fa capire - ha concluso -che non è vero che sta a Palazzo Chigi a non fare nulla, qualcosa fa, ma non per noi.»
L’Italia può tornare a crescere, a generare posti di lavoro, a risanare i suoi conti solo se una classe dirigente capace e seria riprende in mano le redini del governo

http://www.incontriamoci.romanoprodi.it/




permalink | inviato da il 2/3/2006 alle 10:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa



6 febbraio 2006

Anche quelli di MOODY'S(principale agenzia di rating mondiale) promuove PRODI:"Se vince farà le riforme...."

"Gli osservatori internazionali sono generalmente daccordo che le riforme hanno maggiori probabilità di essere realizzate con un governo di centrosinistra per via dell'esperienza di Romano Prodi alla Commissione Europea e come Primo Ministro quando l'Italia si stava preparando a entrare nella zona euro". Un giudizio cosi' netto in campagna elettorale mai era stato dato..A Moody's sono certi che l'urgenza sono le riforme e ricordano che:"L'economia italiana è tornata a una stagnazione virtuale nel 2005 con una crescita del PIL reale dello 0%, il risultato peggiore dal 1997.L'economia italiana sta performando peggio dell'area euro, sta perdendo il 40% nell'export, peggiora il costo del lavoro unitario e vi è bassa produttività. Sono tutti fattori interni e possono essere superati solo attraverso delle riforme che un Governo guidato da Romano Prodi avrebbe più facilità ad attuare."
Saranno mica diventati tutti dei comunistacci anche quelli di Moody's??? Fabio.




permalink | inviato da il 6/2/2006 alle 22:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (27) | Versione per la stampa



16 gennaio 2006

LE AUTOSMENTITE DEL LUNEDI'....N.5...CONDONI...

Condono per gli altri. "Mediaset non farà alcun ricorso al condono fiscale" (30-12-2002). Cinque mesi dopo 'L'espressò scopre che Mediaset ha regolarmente fatto ricorso al condono, risparmiando circa 120 milioni di euro di imposte. Un anno dopo accade di nuovo.
Per non parlare dell'ultimo anno in cui con 1800 uero sono stati sanati milioni di euro di evasione fiscale...




permalink | inviato da il 16/1/2006 alle 19:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa



14 dicembre 2005

La striscia rossa: SCIOPERI DEI METALMECCANICI

05/12/05. Da mesi i metalmeccanici stanno lottando per un dignitoso rinnovo contrattuale che li ripaghi di un lavoro davvero duro:
''Sto con i metalmeccanici perché hanno ragione da vendere. Il mondo isterico dell'informazione, invece, li ignora e li deride mentre spreca pagine in idiozie e volgarità. Si chiama violenza culturale, significa la cancellazione di soggetti collettivi attraverso operazioni linguistiche ed avviene quando un ristretto numero di persone controlla i mezzi del racconto sociale''. Fabio




permalink | inviato da il 14/12/2005 alle 20:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa



21 novembre 2005

ECONOMIA ITALIANA DOPO 5 ANNI DI GOVERNO DI CENTRODESTRA E PRIMA....

01/10/09.

Il World Economic Forum (FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE) ha classificato l’Italia al 47° posto per competitività nel mondo. Subito prima del BOTSWANA!!! Tutti i Paesi europei, ad eccezione della Polonia ci precedono. Nel 2001, quando entrò in carica questo governo, l’Italia era al 21° posto di questa classifica.
PS: A me piace parlare di dati, non di luoghi comuni o supposizioni. E questo e' un dato di fatto:
-) Dopo 5 anni di Governo di centrosinistra (dal 1996 al 2001) l'Italia era al 21esimo posto..
-) Con 5 anni di questo Governo di centrodestra (dal 2001 a oggi..) l'Italia e' al 47esimo,PENULTIMA IN EUROPA!!!!
COME MAI QUESTA NOTIZIA E' STATA TACIUTA DALLE TELEVISIONI RAI E MEDIASET? E CON LE ELEZIONI NELLE VICINANZE C'E' DA ASPETTARSI IL PEGGIO A LIVELLO DI INFORMAZIONE... Fabio




permalink | inviato da il 21/11/2005 alle 18:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa



11 novembre 2005

FAZIO

25/08/05. Riporto un post di Beppe Grillo che condivido totalmente:
Mi viene da vomitare e sto pensando anche di cambiare Paese.
Due persone perbene, Clemente e Castaldi, direttori della Vigilanza della Banca d’Italia, esprimono a luglio parere fortemente contrario alla Opa della Banca Popolare Italiana di Fiorani sulla Antonveneta e informano i magistrati della situazione facendo fallire l’operazione.
Un’operazione, la Fazio-Fiorani, che ci ha resi ridicoli e inaffidabili agli occhi del mondo, soprattutto attraverso le intercettazioni telefoniche tra Fazio, la moglie di Fazio e Fiorani, pubblicate su tutta la stampa mondiale.
Risultati:
- Sputtanamento del Paese
- Fazio non si dimette
- Il Governo non chiede le sue dimissioni
- L’opposizione tira finalmente fuori le palle e con alcuni belati esercita il suo fiero dissenso
- Berlusconi propone di mettere un limite alle intercettazioni telefoniche con una legge che scriverà di suo pugno.
Infine, preparatevi, questa è fantastica, un vero colpo di scena:
Fazio chiede un’inchiesta su Clemente e Castaldi con un’ispezione interna in Banca d’Italia.
Cosa succederà a Clemente e Castaldi, cosa gli si può imputare?
Di aver avuto il coraggio civile di denunciare le pastette di Fazio? Li pensioneranno? Gli verrà erogata un’ammenda, tolte le loro responsabilità per evitare altri incresciosi episodi e, allo stesso tempo, per educare gli altri?
In tutto questo schifo dove sono le voci dei grandi imprenditori, dei grandi banchieri, di quelli che tutti i giorni ci spiegano le loro strategie del c..o sui giornali?
Solo Luca Cordero di Montezemolo si è espresso chiaramente dicendo a Fazio di andarsene.
Lo chiedo anch’io.
E per favore, inviate ai vostri amici, a tutti i vostri amici, questo post.
Fabio.




permalink | inviato da il 11/11/2005 alle 14:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



10 novembre 2005

PRODOTTO INTERNO LORDO: ITALIA ULTIMA NEL MONDO....

22/08/05.
Il settimanale The Economist e il Fondo Monetario Internazionale hanno diffuso le stime di crescita per il 2005 e l'Italia risulta ultima nel mondo: per noi non ci sarà crescita nel 2005(0%), al penultimo posto ci sarà l'Olanda che avrà comunque un +0,4%. L'area Europea, nel suo complesso, avrà un PIL in crescita dell'1,3% (rilevante la crescita dei Paesi europei nuovi arrivati, smentendo cosi' chi criticava Romano Prodi e la sua volontà di allargare a 25 i Paesi dell'Unione: la Repubblice Ceca ad esempio crescerà del 4,2%). Nel mondo saranno rilevanti le crescite di Cina (+9%), India (+6,8%) e per quanto riguarda i Paesi industrializzati degli USA (+3,6%).
E' ora che chi di dovere ponga al nostro Governo di centrodestra le seguenti domande: Come mai, soprattutto negli ultimi 2 anni, il PIL italiano risulta il peggiore in Europa e nel mondo? Perchè vengono fatte, da questo Governo, stime di crescita che poi vengono smentite dai fatti con ricadute sui cittadini?
Il PIL è un dato fondamentale per un Paese e prendere in giro la gente nascondendo le vere cifre, con la complicità delle televisioni in mano ad un'unica persona(il Premier del nostro Paese), è un fatto gravissimo che deve far riflettere.... Fabio




permalink | inviato da il 10/11/2005 alle 18:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



7 novembre 2005

IMMOBILIARISTI E CONDONI

03/08/05. La guardia di finanza e il Fisco hanno cercato d'indagare sulla reale origine e sulla consistenza del patrimonio degli immobiliaristi.Ma anche loro si sono dovuti arrendere di fronte all'uso massiccio di CONDONI,specie quello tombale,concessi negli ultimi anni dal Governo di centrodestra.Lo ammette lo stesso ministero dell'Economia rispondendo a un'interrogazione parlamentare del deputato della Margherita Mario Lettieri.
-)Stefano RICUCCI si e' riparato sotto il condono tombale,la sanatoria non ha pero' cancellato una cartella esattoriale che già gli era stata inviata:evasione da 195533 euro.
-)Danilo Coppola è ricorso sia al condono tombale che alla sanatoria detta "integrativa semplice"
-)Giuseppe Statuto e' ricoso a numerosi condoni fiscali.
Qui' si fermano le informazioni perchè sui capitali fatti rientrare dall'estero sotto lo "scudo fiscale"(altra "genialata" di Tremonti)a termini di legge non è dovuta nessuna comunicazione ne è possibile alcun accertamento!
L'Italia,grazie a questo governo di centrodestra, sta diventando un grande paradiso fiscale per i ricchi e i furbi: fino a quando ci saranno CONDONI si abbasserà sempre di piu' il senso dello Stato e evadere rientrerà nella norma in attesa di una nuova sanatoria...A DISCAPITO DI CHI LE TASSE LE PAGA TUTTE... Fabio




permalink | inviato da il 7/11/2005 alle 23:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia     giugno       
 


Ultime cose
Il mio profilo



GIRO DELL'ITALIA NUOVA DI VELTRONI
VIRGILIO NOTIZIE
WOLONTARI PARTITO DEMOCRATICO
PARTITO DEMOCRATICO
IL SOLE 24 ORE
ITALIA NOSTRA
Feltrinelli
REPUBBLICA.IT
La Stampa
BEPPE GRILLO
Corriere
ANSA
Amnesty
Emergency
Libera.it
Articolo21
Promiseland.it
Legambiente
WWF
FAI
GOVERNO
Psiche e Soma
Sampdoria
Rinascitanazionale


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom