.
Annunci online

  LopinionediFabio [ Sito di opinioni politiche personali.. ]
         

Ricerca personalizzata

Per non dimenticare chi ha ordinato l'EDITTO BULGARO (Silvio Berlusconi) e chi l'ha eseguito (IL CDA RAI nominato da tutto il centrodestra): «Quest’uomo lo hanno ucciso: è stato un ostracismo. Non c’è spiegazione per questo modo di agire. Il “Fatto” resterà come esempio classico nella storia della tv pubblica. La Rai cancellandolo ha perso di stima. A Biagi hanno teso un tranello, e parlo come amico di Enzo ma anche come uomo che conosce la realtà. La verità è che Biagi non era utile a qualcuno e quindi lo hanno abbandonato» Cardinale Ersilio Tonini in collegamento con la trasmissione «AnnoZero», ApCom 9 novembre
Free Burma!




























 


30 dicembre 2005

INFORMAZIONE: dalle TV all'editoria..

Il controllo diretto sull'editoria...
MONDADORI SpA (SILVIO BERLUSCONI) - CAPO DEL GOVERNO
che pubblica:
Panorama
Donna Moderna
Chi
TV Sorrisi e Canzoni
Focus
Starbene
Grazia
Cosmopolitan
Casaviva
Auto Oggi
etc, etc
-)EINAUDI EDITORE (SILVIO BERLUSCONI) - CAPO GOVERNO
-)SPERLING & KUPFER (SILVIO BERLUSCONI) - CAPO GOVERNO
-)LE MONNIER (SILVIO BERLUSCONI) - CAPO GOVERNO
-)ELEMOND (SILVIO BERLUSCONI) - CAPO GOVERNO
-)MONDOLIBRI (SILVIO BERLUSCONI) - CAPO GOVERNO
-)IL GIORNALE (PAOLO BERLUSCONI) - FRATELLO CAPO GOVERNO
-)IL FOGLIO di Giugliano Ferrara (maggiore azionista LA MOGLIE CAPO
GOVERNO)
e molte altre...vengono naturalmente tralasciati i quotidiani di stretto stampo politico riferiti a un partito come il Secolo d'Italia e la Padania..Venerdi' prossimo verranno pubblicate altri quotidiani di area governativa che non sono a totale controllo diretto..tanto per smentire le "leggende" della stampa inmano alla sinistra...
Approfitto di questo post per fare a tutti gli AUGURI DI BUON 2006!!!!!!!!!!!! Fabio.




permalink | inviato da il 30/12/2005 alle 15:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (22) | Versione per la stampa



28 dicembre 2005

CHE DISGUSTO! Ora dovrà tacere..Peccato che non lo farà e i TG non daranno il risalto che merita..

''Questa storia delle leggi ad personam è un’infamia'', ha ringhiato Silvio Berlusconi nella agitata conferenza stampa di fine anno del presidente del consiglio. Puntuale, quattro giorni dopo, arriva la smentita. A fornirla sono le motivazioni della sentenza di assoluzione di fine settembre nel processo All Iberian depositate ora dai giudici milanesi.
Berlusconi e i tre manager Fininvest Giancarlo Foscale, Ubaldo Livolsi, e Alfredo Zuccotti sono stati prosciolti dalle accuse di falso in bilancio e false attestazioni alla società di revisione perché il fatto in esame non risulta più previsto dalla legge come reato. Il processo, iniziato nel 2000 come stralcio del precedente processo per finanziamento illecito al Psi di Bettino Craxi, (conclusosi con una condanna e poi un annullamento per sopravvenuta prescrizione) è stato in sostanza inficiato dalla legge sulla depenalizzazione del falso in bilancio votata nei primi 100 giorni del governo di centrodestra e ora difesa a colpi di fiducia nel dibattito sulla legge di riforma del risparmio.
Il Tribunale, si legge ora nella sentenza dei giudici milanesi, non è stato in condizione di potersi pronunciare «sulla sussistenza dei fatti di causa e sulla loro riferibilità soggettiva», ovvero su accuse e accusati, in quanto in ragione dell'intervenuta modifica normativa, il dibattimento si è arrestato alla fase delle richieste di prove del Pubblico ministero. Poi tutto si è dovuto arrestare: impossibile procedere contro un reato che non esiste. Peccato che a deciderlo sia stato l’imputato:SILVIO BERLUSCONI! Fabio.




permalink | inviato da il 28/12/2005 alle 2:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa



26 dicembre 2005

LE AUTOSMENTITE n. 3

Sperando che tutti voi abbiate passato un felice Natale, come ogni lunedi', pubblico un'autosmentita del Premier che sicuramente contribuisce a non accrescere il nostro prestigio.
PRIMA DELLA GUERRA IN IRAQ:

Guerra senza Onu. "Se Saddam non cede, l'attacco sarà a gennaio e sarebbe inutile una seconda risoluzione come chiede la Francia, sarebbe un nonsenso" (14-9-2002). "Siamo per una risoluzione dell'Onu che dia termini precisi a Saddam e stabilisca l'intervento militare se Saddam non dovesse accettare la risoluzione" (25-9-2002). "Con realismo bisogna dire che non c'è alternativa alle due risoluzioni dell'Onu " (16-10-2002).




permalink | inviato da il 26/12/2005 alle 15:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa



23 dicembre 2005

INFORMAZIONE seconda parte

Proseguo con il brutto elenco fatto venerdì scorso sulla lottizzazione del sistema radiotelevisivo in RAI per dimostrare, con i fatti, quanto il centrodestra, nonostante cio' che dice il Premier, occupa l'informazione.... 

-)GIORNALI RADIO (1, 2 e 3)
Bruno Socillo (ALLEANZA NAZIONALE) - GOVERNO
-)Direzione RADIO2, RADIO3
Sergio Valzania (CCD-CDU) - GOVERNO
-)RAI International
Massimo Magliaro (ALLEANZA NAZIONALE) - GOVERNO
(ex portavoce di Giorgio Almirante - MSI)

Considerando che ha circa il 50% dell'audience, non si può dimenticare
quella che dovrebbe essere la principale concorrente (anche se dipende
dalla stessa parrocchia) della RAI ovvero Mediaset:
CANALE 5 e TG5 (SILVIO BERLUSCONI) - CAPO DEL GOVERNO
RETE 4 e TG4 (SILVIO BERLUSCONI) - CAPO DEL GOVERNO
ITALIA 1 e STUDIO APERTO (SILVIO BERLUSCONI) - CAPO DEL GOVERNO

La prossima volta verrà pubblicato il controllo sull'editoria per smentire tante voci e tante leggende sulla carta stampata.
Con tutto cio' resto dell'idea che la RAI non deve essere politicizzata e soprattutto spero in una nuova legge sul sistema radiotelevisivo dove davvero ci possa essere una reale concorrenza al duopolio RAI-MEDIASET......Fabio.




permalink | inviato da il 23/12/2005 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa



22 dicembre 2005

BERLUSCONI A PORTA A PORTA..

Il tema della puntata era: CONTRATTO RISPETTATO? La risposta avrebbe potuto occupare alcuni minuti, forse uno solo: "NO" .Il premier ha tuttavia speso 2 ore a far vedere foglietti per cecare di convincere gli indecisi, mi è subito venuta in mente la parodia di BENIGNI e CELENTANO alla disperata ricerca di una cosa buona fatta dal Governo che alla fine non hanno trovato. Col passare del tempo, nel consueto mutismo dei giornalisti d'arredo presenti in studio, con un Vespa accondiscendente, ha parlato di grandi opere, di poliziotti di quartiere, di disoccupazione diminuita, di tagli alle tasse, del complotto dell'informazione tutta di sinistra.
Come si sa tutta la stampa, italiana e mondiale, attacca Berlusconi con scuse improbabili, dal conflitto di interessi al legame con Previti e Dell'Utri, dalle condanne scampate solo con la prescrizione alle leggi ad personam fino al fallimento economico del suo governo.
Sinceramente stavo per cambiare canale quando sentii una voce fuori dal coro: "DAI,PIANTALA SILVIO,METTI VIA QUEI FOGLIETTI..." Allucinazione? Interferenze di Telekabul? Attentato audio di Bin Laden? Ma no, soltanto Diego Della Valle che si era stufato: " DAI SILVIO, HO VISTO CHE HAI TIRATO FUORI QUEL DISEGNINO E NON E' LA PRIMA VOLTA CHE CIRCOLA, MI SONO CADUTE LE BRACCIA!CHIUDI GLI OCCHI, PENSA A UNA FAMIGLIA NORMALE, GENTE CHE LAVORA! NON POSSIAMO OFFENDERLI CON QUELLA ROBA, DIRGLI CHE TUTTO VA BENE!" Quì è iniziata la ritirata rovinosa del premier, un Berlusconi quasi balbettante ha provato a rispondere con un " Signor Della Valle" al confidenziale "tu" per mantenere la funzione di statista. "SUVVIA SILVIO, AMMETTI CHE HAI FATTO QUALCHE ERRORE...". "Nessuno, nessuno, nessuno..." è arrivato a 18 nessuno..... Ormai all'angolo è stato salvato dal solito Bruno Vespa che ha tolto la parola a Della Valle ed è passato ad altro. Ma alla ripresa, il padrone della Tod's ha ricominciato: "SILVIO,HAI PERSINO RINGRAZIATO FAZIO. MA DI COSA DEBBONO ESSERGLI GRATI GLI ITALIANI?" Berlusconi allangolo reagisce nel modo peggiore per convincere gli indecisi:" Se il signor Della Valle volesse fare uno scontro con me ne uscirebbe con le ossa rotte". Sarà ma conclude Della Valle con un:"Silvio, stai prendendo in giro gli italiani,guarda che non sono analfabeti.."
la trasmissione prosegue ancora per mezzora con il solito elenco di opere mai viste, con il solito finale sui crimini del comunismo e sul fatto che PRODI quando è stato al Governo "ha portato solo miseria e morte", sarà ma con l'ULIVO il PIL cresceva del 3%, ora è a ZERO......




permalink | inviato da il 22/12/2005 alle 19:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa



19 dicembre 2005

LE AUTOSMENTITE: n.2

Ok dall'Europa. "Ho fatto un'esposizione sommaria della legge finanziaria e ho trovato un'ottima accoglienza sia da Prodi sia dal commissario Pedro Solbes" (10-10-2001). Prodi cade dalle nuvole. Solbes lo smentisce. Berlusconi fa retromarcia: "Io ho illustrato l'azione del mio governo, Prodi e Solbes mi hanno ascoltato in silenzio".




permalink | inviato da il 19/12/2005 alle 14:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa



16 dicembre 2005

INFORMAZIONE

Quando una persona guarda un Telegiornale o una trasmissione televisiva è giusto che il telespettatore sappia chi è che da la linea e da che partito proviene: inizio la rassegna con le tre reti RAI, ORGANIGRAMMA UFFICIALE RAI:

-) Direttore RAI 1 :            Fabrizio Del Noce ( FORZA ITALIA ) Governo.
-) Direttore TG 1  :            Clemente Mimun  ( FORZA ITALIA ) Governo.
-) Direttore RAI 2 :            Antonio Marano   ( LEGA NORD  )   Governo.
-) Direttore TG 2  :            Mauro Mazza  (Alleanza Nazionale)  Governo.
-) Direttore RAI 3 :            Paolo Ruffini    ( Margherita )     Opposizione.
-) Direttore TG 3  :            Antonio Di Bella  ( DS )             Opposizione.
-) Direttore TG3regionale:  Angela Buttiglione (UDC)           Governo.

Per ciò che riguarda i vicedirettori al TG1,TG2,TG3 e moltiplicazione delle poltrone ( 5 al TG1, 5 al TG2, 5 al TG3) il 75% è in quota al Governo e il 25% all'Opposizione.
Venerdì prossimo proseguirò analizzando RADIO RAI, RAI INTERNATIONAL, le RETI mediaset e il controllo editoriale. Nel frattempo aspetto commenti su questa realtà italiana unica al mondo....




permalink | inviato da il 16/12/2005 alle 16:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa



14 dicembre 2005

La striscia rossa: SCIOPERI DEI METALMECCANICI

05/12/05. Da mesi i metalmeccanici stanno lottando per un dignitoso rinnovo contrattuale che li ripaghi di un lavoro davvero duro:
''Sto con i metalmeccanici perché hanno ragione da vendere. Il mondo isterico dell'informazione, invece, li ignora e li deride mentre spreca pagine in idiozie e volgarità. Si chiama violenza culturale, significa la cancellazione di soggetti collettivi attraverso operazioni linguistiche ed avviene quando un ristretto numero di persone controlla i mezzi del racconto sociale''. Fabio




permalink | inviato da il 14/12/2005 alle 20:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa



12 dicembre 2005

SCONTRO DI CIVILTA'..LE AUTOSMENTITE: n. 1

Da oggi inauguro una striscia che porterò avanti ogni lunedì dove verranno pubblicate una per una tutte le dichiarazioni fatte da Silvio Berlusconi e smentite da lui stesso poco dopo. Con conseguente brutta figura dell'Italia agli occhi del mondo......

 "Noi dobbiamo essere consapevoli della superiorità della nostra civiltà... Dobbiamo evitare di mettere le due civiltà, quella islamica e quella nostra sullo stesso piano... La nostra civiltà deve estendere a chi è rimasto indietro di almeno 1.400 anni nella storia i benefici e le conquiste che l'Occidente conosce." (26-9-2001). Poi di fronte alla richiesta di scuse presentata da una serie di governi arabi dice al giornale 'Asharq al-Awsat':"Perché dovrei scusarmi? Per qualche cosa che non ho detto? Non ho detto nulla di sbagliato, loro (alcuni giornalisti, ndr) mi hanno fatto dire qualche cosa che non ho detto". (2-10-2001)




permalink | inviato da il 12/12/2005 alle 19:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (27) | Versione per la stampa



11 dicembre 2005

MONTREAL, CONFERENZA SUL GLIMA, GLI INUIT:"Gli USA ci condannano a morte!". E COME CI COMPORTIAMO NOI IN ITALIA?

09/12/05.
Gli Inuit sono gli aborigeni dell'Artico, sono 40mila e un tempo venivano chiamati eschimesi. Non tollerano l'inurbamento, lo scioglimento dei ghiacci li obbliga sempre piu' a vivere in tende precarie e più fredde dei tradizionali igloo perchè la neve densa e compatta che serve a costruire gli igloo diventa sempre più rara.
Sfruttando la conferenza sul clima di Montreal gli INUIT denunciano gli USA per non voler firmare il protocollo di Kioto che impone limiti sull'emmissione di anidride carbonica. C'è da dire che 24 senatori americani, 25 economisti fra cui 3 premi nobel hanno firmato un appello perche' imponga limiti alle emissioni di gas serra.
E il Governo Italiano di centrodestra come si comporta? mantiene una posizione di stallo, tanto che associazioni ambientaliste mondiali consegnano al ministro dell'ambiente italiano Altero Matteoli, in quota ad Alleanza nazionale, l'ironio premio "fossil of the day".
Mentre i Governi sono in stallo, le amministrazioni locali si muovono con decisione. Negli USA 198 città hanno firmato il protocollo di KYOTO E a Montreal Angelo Bonelli, coordinatore dei VERDI, ha presentato il manifesto della "COALIZIONE DEI VOLENTEROSI IN DIFESA DELLA BIOSFERA", che ha già ricevuto il sostegno di una decina di regioni europee, della rete delle città americane impegnate a difesa del clima e di 17 REGIONI ITALIANE.
Quali sono le uniche Regioni italiane a non aver aderito all'iniziativa dove si parla del protocollo di kioto come primo passo e di una exit strategy dall'era del petrolio? Le poche Regioni italiane governate dal centrodestra: Sicilia, Lombardia, Veneto e Molise. Fabio




permalink | inviato da il 11/12/2005 alle 14:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa



9 dicembre 2005

INFORMAZIONE E ELEZIONI

02/12/05.
La scorsa settimana è stata stuprata una ragazza a Bologna da un extracomunitario.
La scorsa settimana è stata uccisa con sette coltellate e investita con la macchina una ragazza a Biella da un italiano.
La scorsa settimana è stata uccisa davanti alla figlioletta una donna italiana dall’ex marito italiano con due colpi di pistola alla testa a Chivasso.
Le reti televisive e i giornali hanno dedicato un grande spazio all’episodio di Bologna e uno marginale a quelli di Biella e di Chivasso.
Lo stupro di un extracomunitario fa più notizia di un omicida italiano.
-) Lo stupro extracomunitario è elettorale.
   Un omicida italiano non è elettorale.
-) Gli sbarchi in Sicilia sono elettorali
   Le decine di omicidi da inizio anno di mafia, ndrangheta, camorra non sono elettorali.
-) Le rapine in villa da parte di extracomunitari sono elettorali.
   Il pizzo chiesto dal racket in tre quarti dell’Italia non è elettorale.
-) Le donne italiane segregate in casa da parte di mariti maghrebini sono elettorali.
   Gli omicidi di donne italiane separate da parte degli ex mariti italiani non sono elettorali.
-) Gli attentati (potenziali) da parte di islamici in Italia sono elettorali.
   La mafia (reale) non è elettorale.
MEDITIAMO SEMPRE QUANDO I TG DANNO NOTIZIE SEMPRE UGUALI NELLO STESSO PERIODO.....Fabio.




permalink | inviato da il 9/12/2005 alle 14:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa



7 dicembre 2005

NO ALLA LEGGE PRO MAFIA! Don Ciotti.

28/11/05.
Dedico il post a Don Ciotti, un prete di quelli veri che sta in mezzo alla gente e al suo appello per salvare la legge sui beni confiscati alla mafia. Fabio"Nel 1995, "Libera" raccolse un milione di firme per spingere il Parlamento ad approvare una riforma della legge Rognoni - La Torre che introducesse la possibilità di destinare all'uso sociale i beni confiscati alle mafie. Prima dell'entrata in vigore della legge 109/96, i beni immobili "recuperati" si contavano davvero in poche decine. Oggi, degli oltre 6.500 beni confiscati ne sono stati destinati oltre 2.500. In Sicilia sono nate molte cooperative e altre ne stanno per nascere in altre regioni. In questi primi dieci anni abbiamo toccato con mano che la confisca e l'utilizzo sociale dei beni é certamente un problema che chiama in causa la politica, è certamente un problema sociale, con una dimensione culturale non indifferente, ma è anche un problema etico e educativo. Restituire alla collettività quello che è stato frutto di violenza, di illegalità, di traffici, di sfruttamento, di morte è fondamentale.Oggi il nostro Parlamento rischia di approvare un disegno di legge delega che vanificherebbe i risultati ottenuti. Tra i molti aspetti discutibili si prevede la possibilità di revisione, "senza limiti di tempo" e su richiesta di chiunque sia titolare di un "interesse giuridicamente riconosciuto", dei provvedimenti definitivi di confisca. Chi potrebbe gestire - sia esso Comune o cooperativa o associazione - un bene in una simile precarietà, dopo aver speso risorse pubbliche per la sua ristrutturazione? È un regalo che viene fatto alle mafie e ai mafiosi.Un'altra scelta discutibile, presente nel nuovo disegno di legge, è dato dall'affidamento all'Agenzia del Demanio dell'intera gestione dei beni, dal sequestro alla confisca. Ci sembra un paradosso ulteriore: in passato, è stata proprio l'Agenzia del Demanio, per le gravi carenze strutturali che ha, ad aver rappresentato un freno a tutto il processo.Il Parlamento può correggere ancora la rotta, se recepisce alcune proposte.
La prima proposta è quella di cancellare la possibilità di revisione della confisca e da parte di "chiunque", prevedendo la revoca con equo indennizzo nel caso di vittime di errori giudiziari.
La seconda è l'istituzione di un'Agenzia ad hoc nella quale far confluire tutte le competenze e le professionalità costruitesi in questi anni e oggi disperse in mille rivoli.
Da ultimo, occorre valorizzare il ruolo dei cittadini e delle associazioni nella promozione della legalità e nel contrasto alle mafie. Sì, perché a parole, si fa continuamente appello alla "società civile", alle associazioni, ai giovani, ma, nei fatti, se ne cancella il loro potenziale contributo, in termini di spinta, di accompagnamento, di verifica, di controllo, di vera partecipazione.E' per queste ragioni che l'associazione Libera (che raccoglie più di 1200 associazioni nazionali e locali, scuole, cooperative) e molti familiari delle vittime delle mafie chiedono con un appello un serio e approfondito ripensamento, in sede di dibattito parlamentare, del disegno di legge delega AC 5362, soprattutto per quanto riguarda la possibilità di revisione dei provvedimenti definitivi di confisca, affinchè tutte le forze politiche sappiano trovare il corretto equilibrio tra la tutela dei diritti di chi subisce i provvedimenti di confisca e la necessità di sottrarre alle organizzazioni mafiose gli immensi patrimoni che accumulano ogni anno, nell'illegalità e nel sangue. Trasformando questi beni, come sta avvenendo faticosamente oggi, in segni tangibili di legalità e giustizia. "
Don Ciotti.
Aderite all'appello per email: libera@libera.it o per fax: 06/6783559




permalink | inviato da il 7/12/2005 alle 10:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa



5 dicembre 2005

SI TORNA A METTERE I DISCUSSIONE L'ABORTO...

22/11/05.
La Chiesa e alcuni partiti del centrodestra tornano a mettere in discussiione l'aborto e vengono proposti volontari del Movimento per la vita da mettere nei consultori..
Risponde Michele Serra:
"Volontari del Movimento per la vita nei consultori?Ma certo, come no? A patto che sia garantita la par condicio: perchè se la privacy di chi ricorre a un consultorio deve essere violata così platealmente, allora la si violi alla grande,senza farci mancare niente. Ogni donna italiana venga accolta, quando varca quella porta,, da un vero e proprio forum di parti interessate: l'antiabortista, il libertino, la convertita, il futurologo, uno di destra e uno di sinistra, un commercialista che illustri i vantaggi della finanziaria per le partorenti, e insomma, tutto il largo ventaglio di pensatori, militanti, politici che il fiorente dibattito etico è in grado di mobilitare.
NATURALMENTE, AL DIBATTITO POTRA' PARTECIPARE ANCHE LA DONNA INTERESSATA. Tranne nel caso che sia fuggita carponi dalla porta di servizio, varcando la folla di gente che le dice quello che DEVE FARE, COME LO DEVE FARE, SE LO DEVE FARE. La decisione, qualora la sciagurata non sia presente, sarà presa in contumacia".
Lasciando da parte l'ironia che fa riflettere di Michele Serra mi pongo alcuni quesiti: MA QUESTI SIGNORI NON PENSANO CHE UNA DONNA SAPPIA COSA FARE? E NON SANNO CHE CHI RICORRE A UN ABORTO LO FA COME ULTIMA VIA DA PERCORRERE? PER UNA SCELTA DIFFICILISSIMA, PRESA DOPO TANTE RIFLESSIONI, NON MI SEMBRA IL CASO DI FARLA SENTIRE ULTERIORMENTE IN COLPA...... Fabio




permalink | inviato da il 5/12/2005 alle 15:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa



2 dicembre 2005

IMMIGRAZIONE

16/11/05.
Don Mario: OMELIA AI FUNERALI DI UN IMMIGRATO MORTO SUL LAVORO:
"Che strano Paese è questo che accoglie immigrati di tutto il mondo e poi non li fa entrare nei negozi e li costringe a lavorare di nascosto e di notte nei cantieri. Dicono che questo è il Paese della democrazia e della libertà. Ma come può esserci democrazia e libertà senza dignità?"..... Fabio




permalink | inviato da il 2/12/2005 alle 15:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


sfoglia     novembre        gennaio
 


Ultime cose
Il mio profilo



GIRO DELL'ITALIA NUOVA DI VELTRONI
VIRGILIO NOTIZIE
WOLONTARI PARTITO DEMOCRATICO
PARTITO DEMOCRATICO
IL SOLE 24 ORE
ITALIA NOSTRA
Feltrinelli
REPUBBLICA.IT
La Stampa
BEPPE GRILLO
Corriere
ANSA
Amnesty
Emergency
Libera.it
Articolo21
Promiseland.it
Legambiente
WWF
FAI
GOVERNO
Psiche e Soma
Sampdoria
Rinascitanazionale


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom