.
Annunci online

  LopinionediFabio [ Sito di opinioni politiche personali.. ]
         

Ricerca personalizzata

Per non dimenticare chi ha ordinato l'EDITTO BULGARO (Silvio Berlusconi) e chi l'ha eseguito (IL CDA RAI nominato da tutto il centrodestra): «Quest’uomo lo hanno ucciso: è stato un ostracismo. Non c’è spiegazione per questo modo di agire. Il “Fatto” resterà come esempio classico nella storia della tv pubblica. La Rai cancellandolo ha perso di stima. A Biagi hanno teso un tranello, e parlo come amico di Enzo ma anche come uomo che conosce la realtà. La verità è che Biagi non era utile a qualcuno e quindi lo hanno abbandonato» Cardinale Ersilio Tonini in collegamento con la trasmissione «AnnoZero», ApCom 9 novembre
Free Burma!




























 


27 ottobre 2008

Le menzogne del duo Berlusconi-Gelmini sulla scuola..



Finalmente sembra che l'opposizione si stia svegliando! e sono convinto che finirà la luna di miele del Governo! Sono contento di riportare le BUGIE DEL DUO GELMINI-BERLUSCONI SULLA SCUOLA:
In riferimento al dossier distribuito nella conferenza stampa di questa mattina sulle presunte bugie della sinistra sulla scuola, il Pd replica con
questo contro dossier, punto su punto:


TEMPO PIENO
Nel Piano programmatico inviato al Parlamento scompare il “tempo pieno” e compare la dizione “estensione delle ore di lezione fino a un massimo di 10 ore settimanali comprensive della mensa”: si pensa dunque a un “doposcuola” di tipo ricreativo che è una cosa ben diversa dal tempo pieno didattico. Comunque sia, l’eventuale “aumento” si potrà realizzare solo se si imporranno a tutte le famiglie le classi con 24 ore settimanali con il maestro unico (quindi niente più scelta fra 24, 27 o 30 ore settimanali e tempo pieno).
Tuttavia anche in questo caso, Berlusconi non mantiene le promesse: ha più volte dichiarato, l’ultima il 16 ottobre, che le mamme possono stare tranquille perché aumenterà il tempo pieno “del 60%”. Se così fosse avrebbe dovuto istituire 17.400 (il 60%) a 40 ore o 14.000 (il 50% in più) e certo non le 3.950 in 5 anni annunciate oggi. ( le classi a tempo pieno sono attualmente 34.270).

NUMERO DEGLI ALUNNI
Dice Berlusconi che gli alunni saranno in media 18 per classe, al massimo 26.
Nell’unica bozza di Regolamento che circola si dicono cose diverse: si aumentano i parametri minimi e massimi: 30 per le scuole medie superiori e 29 per le scuole medie inferiori, con un incremento fino al 10%. Questo significa
arrivare anche a 33 alunni per classe.

MAESTRO UNICO
Il decreto legge parla di “maestro unico” e non basta certo una battuta detta in conferenza stampa dal premier per trasformarlo in “maestro prevalente”.

LINGUA INGLESE
Il maestro unico dovrà insegnare anche l’inglese perché nel Piano programmatico (a pagina 19) viene previsto il taglio di 11.200 posti (4.000 già dal prossimo anno) di insegnanti specializzati di inglese. E viene previsto forse che con un corso di sole 150 ore il maestro unico dovrà
specializzarsi anche nella lingua inglese.

RAZIONALIZZAZIONE DEL PERSONALE
Qui si tocca il massimo della spudoratezza giocando con le parole e con la condizione di vita delle persone: falsi gli 87.000 licenziamenti dice Berlusconi. Sono purtroppo veri i licenziamenti di 87.000 insegnanti che lavorano da anni, ogni anno, con incarichi annuali nella scuola. (Essendo
“precari” non vengono “licenziati”: vengono soppressi definitivamente i loro stipendi e i loro posti di lavoro). A questi 87.000 si aggiunge la mancata assunzione dei 75.000 precari già previsti nel piano del governo Prodi con
copertura finanziaria).
Il presidente del Consiglio e il ministro non sanno neanche quanti dipendenti hanno: oggi hanno affermato che nella scuola ci sono 1.350.000 dipendenti “e sono troppi”. Dai dati della Ragioneria generale dello Stato si ricava che i
dipendenti nell’anno 2006 erano 1.143.164, scesi nel 2007 a 1.133.000. (dati consultabili sul sito della Ragioneria)
Non è vero neanche, come detto oggi, che in Italia il Rapporto docente/alunni è 1 ogni 9: nella pubblicazione “la scuola in cifre” dello stesso ministero dell’Istruzione nella tabella 1.3.3 pag 23 (pubblicata a settembre 2008) il
rapporto è 1 ogni 11,1.

SCUOLE DI MONTAGNA
Berlusconi dice che “nessuna scuola sarà chiusa”: falso.
Dal Piano programmatico viene esplicitamente detto che chiuderanno le scuole sotto i 50 alunni. Sono 1083 i Comuni interessati così ripartiti: 181 con scuole fino a 15 alunni; 184 fino a 20 alunni; 718 fino a 50 alunni.
A queste vanno poi aggiunte circa 3000 scuole a rischio chiusura perché sotto i 50 alunni come le 130 scuole elementari e medie presso gli istituti ospedalieri; 7 annesse a istituti d’arte, 7 annesse a convitto, 4 a
Conservatori, 3 per ciechi, 2 per sordomuti. In più ci sono le secondarie di secondo grado: 522 (di queste 346 sono serali e 55 carcerarie).

SPESA PER IL PERSONALE
Il presidente del Consiglio e il ministro continuano a dire che il 97% della spesa pubblica della scuola serve a pagare gli stipendi di chi ci lavora.
Vengono smentiti non dal Pd ma dall’Ocse nella pubblicazione “Education at a Glance, 2007”. Infatti, i dati della spesa corrente per il personale, raffrontati con quelli di altri Paesi, risultano questi:

Italia 80,7
Francia 80,7
Germania 85,1
Gran Bretagna 69,7
Media Ocse: 80,1

Di conseguenza l’Italia risulta allineata alla media Ocse ed ha una spesa per gli stipendi inferiore a quella della Germania.
fonte: PD




20 ottobre 2008

LE BALLE DEL GOVERNO BERLUSCONI SUL CLIMA!



Il ministro Ronchi in un'intervista al Sole 24 Ore ha dichiarato che sulla base di conti fatti dall'Unione europea, rispetto all'applicazione delle misure del pacchetto salva clima (20% di taglio di gas serra, 20% di risparmio energetico, 20% di aumento delle energie rinnovabili), "l'Italia pagherebbe l'1,14% del suo Pil e il 19,7% dei costi totali del piano, più di Spagna (17%), Francia (14,9%), Germania, Inghilterra (12,5%)".

Niente di più falso!Lo scenario di costi invece più probabile, fa notare l’eurodeputata, è quello che prevede un costo pari allo 0,58% del Pil europeo (91 miliardi al 2020) e per l'Italia lo 0,49% del Pil (cioè 8 miliardi). Costo che con il risparmio energetico scenderebbe fino a 2,7 miliardi.

Di fronte alle balle del governo è da apprezzare l'atteggiamento del presidente Barroso, non disponibile a rinegoziare gli obiettivi del pacchetto né a cadere nella trappola di chi vorrebbe ritardare l'applicazione del pacchetto stesso invocando la recente crisi finanziaria: giustamente - ha detto - "non possiamo rinviare oggi la necessità di modernizzare l'economia europea per affrontare le sfide di domani”.

RICORDIAMOCI CHE L'AMBIENTE E' FONDAMENTALE, E' IL NOSTRO FUTURO E QUELLO DEI NOSTRI FIGLI. PENSIAMOCI E BOCCIAMO QUESTO GOVERNO BERLUSCONI CHE STA DALLA PARTE DI CHI INQUINA!!! Di questo passo non si rischia solo di diventare il fanalino di coda dell’Europa, ma pure del mondo. E’ innegabile infatti che il Governo Berlusconi, in fatto di ambiente, è riuscito a fare un notevole passo avanti. Peccato però che sia un passo verso il baratro. Grazie allo zelo mostrato a Bruxelles, attraverso l'irresponsabile minaccia di veto presentata insieme alla Polonia, la delegazione italiana è riuscita a convincere i capi di Stato e di governo dei 27 paesi a rinviare a dicembre l’accordo finale sulla strategia contro l’innalzamento della temperature.
Certo, forse alla fine Berlusconi non riuscirà ad ottenere molto di più di un rinvio d’agenda, ma l’episodio la dice lunga sull’impegno che questa maggioranza intende investire in uno dei problemi più gravi del nostro tempo.





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ambiente governo verdi unione europea

permalink | inviato da lopinionedifabio il 20/10/2008 alle 20:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



18 ottobre 2008

Berlusconi ci fa primeggiare in Europa!!! Ma in cosa?



Finalmente il centrodestra berlusconiano ci fa primeggiare in qualcosa in Europa: SI, NEL PAESE EUROPEO CHE MAGGIORMENTE NON RISPETTA IL CLIMA E CHE INQUINERA' DI PIU'! Bene, non vivremo più nel bel Paese ma nello stato europeo più inquinato!!!
E riprendo un articolo di ieri per riportare le opinioni delle varie parti in causa:

È «allibito» il commissario europeo all'Ambiente, Stavros Dimas: non riesce a capacitarsi «delle argomentazioni che arrivano da alcuni ambienti in Italia». Parla della polemica sul pacchetto Ue per la riduzione delle emissioni inquinanti. L’Italia, infatti, ha più volte minacciato il veto sulle nuove norme: il governo Berlusconi, appoggiato da Confindustria, sostiene che le misure a difesa del clima e dell’ambiente sarebbero un costo impossibile da sostenere per le imprese italiane. Ma Dimas non riesce a capire perché guardiamo «in modo così pessimista» al pacchetto, che invece «contiene importanti incentivi all'innovazione».

«Io - spiega il commissario europeo – tutti questi svantaggi non li vedo», anzi, con le misure del pacchetto ci saranno «più sicurezza energetica, lo sviluppo delle fonti rinnovabili, meno dipendenza dal petrolio». Innovazioni che indirizzerebbero l'economia verso «un futuro a basse emissioni di CO2» e che potrebbe creare nuove opportunità per le nostre imprese: «Il vostro paese – si infervora Dimas parlando con i cronisti italiani – avrebbe enormi capacità di sviluppo nel settore delle energie rinnovabili. E allora perché non innovate?».

Vallo a chiedere a Berlusconi, a Frattini, a Ronchi, alla Prestigiacomo e anche alla Marcegaglia, verrebbe da dire. Perché nessuno dei ministri volati a Bruxelles si è mostrato sensibile agli argomenti dell’innovazione, dell’indipendenza energetica, della difesa dell’ambiente. Piuttosto, hanno preferito seminare il terrore sui costi che le nuove misure avrebbero: più di 18 miliardi di euro l’anno, minacciano dal ministero dell’Ambiente, l’1,4 per cento del Pil. Più di venti miliardi ogni dodici mesi, esagerano da Confindustria.

Ma a Bruxelles restano di stucco: «Non so da dove vengano questi numeri – dice il commissario Dimas – ma sono scenari che non si basano sul nostro pacchetto». La Commissione Ue, infatti, ha calcolato che il pacchetto costerebbe ai paesi membri una cifra compresa tra lo 0,51 e lo 0,66 per cento del Pil, un terzo di quanto sostenuto dalle autorità italiane. E soprattutto, ragionano a Bruxelles, «questo non significherebbe una perdita poiché il denaro rimane nel Paese e potrebbe essere usato, da parte di buoni governanti, per fare investimenti». Già, buoni governanti, quelli che da noi non li vedono nemmeno in Europa.

Sulla questione interviene anche il capo dello Stato Giorgio Napolitano che sottolinea come le esigenze di sostenere l'economia non debbano sopravanzare il rispetto e la tutela dell'ambiente. Il capo dello Stato ha richiamato la necessità di tutelare l'ambiente, anche in presenza di una congiuntura economica difficile come quella attuale: «Nonostante la crisi finanziaria che sta colpendo i paesi più avanzati, occorre egualmente indirizzare le relazioni economiche e commerciali internazionali ed i modelli di crescita in maniera da consentire a tutti i paesi un effettivo progresso secondo linee compatibili con la doverosa salvaguardia delle risorse naturali e del patrimonio ambientale del pianeta».

«Come al solito – commenta il ministro ombra dell’Ambiente Ermete Realacci – Berlusconi ci regala una pessima figura a livello internazionale». «La posizione del governo italiano sul pacchetto clima in discussione a Bruxelles – attacca il leader del Pd – è irresponsabile nel merito e rischia di isolare il nostro Paese dal nucleo storico dell'Unione europea. È giusto e necessario – spiega Veltroni – in un momento così difficile e critico per l'economia mondiale, fare ogni sforzo a difesa delle nostre imprese. È invece una scelta miope e perdente – aggiunge – utilizzare questo come pretesto per smantellare gli obiettivi di riduzione delle emissioni dannose per il clima, di sviluppo delle energie rinnovabili, di miglioramento dell'efficienza energetica. L'Italia su questo gioca il suo futuro, ambientale ed economico, il governo torni sui suoi passi».





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ambiente centrodestra governo europa

permalink | inviato da lopinionedifabio il 18/10/2008 alle 10:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



16 ottobre 2008

Dell'Utri su Mussolini! Da leggere per renderci conto da chi siamo governati e fare attenzione..



E dopo Christian Abbiati che disse: «Io non ho vergogna a manifestare la mia fede politica. Del fascismo condivido ideali come la Patria e i valori della religione cattolica. Rifiuto le leggi razziali, l’alleanza con Hitler e l’ingresso in guerra, ma mi piace la capacità che aveva di assicurare l’ordine, garantendo la sicurezza dei cittadini»
Christian Abbiati, portiere del Milan,intervista a «Sportweek», Ansa 25 settembre
.. ora a parlare è un esponente del Governo Berlusconi, diciamo il suo maggior confidente e mentore: DELL'UTRI che dice:

«A parte i suoi errori, Mussolini non era quel greve individuo che hanno cercato di lasciarci come immagine dopo la guerra. Il duce era un uomo che aveva molte qualità e dai diari emerge l’aspetto umano, la sua cultura, la sua capacità politica e di statista in maniera prepotente».
Marcello Dell’Utri, 14 ottobre
 E ora ricordo, aiutato da wikipedia, i procedimenti giudiziari del braccio destro di Berlusconi:

False fatture e frode fiscale 

Ha patteggiato la pena di due anni e tre mesi di reclusione per false fatture e frode fiscale (nell'ambito della gestione di Publitalia '80) a Torino [10].

Tentata estorsione 

È stato condannato in primo grado a Milano a due anni di reclusione per tentata estorsione ai danni di Vincenzo Garraffa (imprenditore trapanese), con la complicità del boss Vincenzo Virga (trapanese anche lui). Il 15 maggio 2007 la terza corte d'appello di Milano conferma la condanna a due anni.Il 10 aprile 2008 il PG della Cassazione ha chiesto l'annullamento, con rinvio, della condanna a 2 anni inflitta al parlamentare Marcello Dell'Utri, ritenendo "inutilizzabili" alcune dichiarazioni accusatorie. La Corte di Cassazione, II sezione penale, accoglie la richiesta, annullando la sentenza di appello con rinvio ad altra sezione

Concorso esterno in associazione mafiosa [modifica]

  • Le indagini iniziano nel 1994 con le prime rivelazioni che confluiscono nel fascicolo 6031/94 della Procura di Palermo.
  • Il 9 maggio 1997 il gip di Palermo rinvia a giudizio Dell'Utri, e il processo inizia il 5 novembre dello stesso anno.
  • In data 11 dicembre 2004, il tribunale di Palermo ha condannato Marcello Dell'Utri a nove anni di reclusione con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il senatore è stato anche condannato a due anni di libertà vigilata, oltre all'interdizione perpetua dai pubblici uffici e il risarcimento dei danni (per un totale di 70.000 euro) alle parti civili, il Comune e la Provincia di Palermo.




15 ottobre 2008

Crisi economica: colpa del capitalismo? Straordinario Michele Serra da non perdere....



Alcuni sostengono che l'attuale crisi sancirà la fine del capitalismo, altri invece che il capitalismo non centra niente. Io non so se il capitalismo finirà o meno MA REPUTO ABBIA MOLTISSIME COLPE NELL'ATTUALE CRISI.
Vi invito a leggere una straordinaria AMACA di Michele Serra:

Si legge quasi ovunque (per esempio nell’intervista del Corriere alla figliola grande di Berlusconi) che "il capitalismo non c’entra niente" con crac e banche chiuse e manager felloni. Che siano stati dunque il comunismo o il socialismo o il pensiero greco o il giusnaturalismo, in forme subdole, a spingere metà del mondo a indebitarsi fino al midollo? Quale sedizioso boicottaggio, quale virus esterno ha condotto gli onesti, operosi, virtuosi Stati Uniti sull’orlo della catastrofe finanziaria, dimostrando che buona parte di una ricchezza puramente nominale era solo carta straccia?
Nelle ingenuissime, strenue difese delle virtù del liberismo, che di suo sarebbe buono e benefico, ed è stato deviato dalle intenzioni malvagie di poche cricche di mascalzoni (per altro in genere impuniti e ben liquidati), pare di risentire pari pari la patetica difesa che alcuni comunisti fecero del comunismo, in sostanza un’ottima idea applicata però maluccio o malissimo da despoti asiatici o burocrazie ottuse. Allo stesso modo il liberismo degli ultimi vent’anni viene considerato un’idea così brillante, così gagliarda, che non gli si imputa neanche ciò che proprio lui e solo lui può avere innescato, un capitalismo senza più alcun rapporto con la ricchezza prodotta dal lavoro, senza misura e senza controlli, senza etica e senza freni. Presto qualcuno dirà che Wall Street è in crisi per colpa dei sindacati.


Fabio..






13 ottobre 2008

Ha ragione Berlusconi o Oliver Stone?



Berlusconi
non lo ha mai nascosto, si ispira a Bush e ai repubblicani e il suo pensiero è stato sottolineato anche dal suo discorso di oggi: «La storia dirà che George W. Bush è stato un grandissimo presidente degli Stati Uniti», ha risposto Berlusconi. «Bush è un uomo di grandi principi, grandi ideali, grande visione, ma soprattutto uno che ha il coraggio di perseguire questa visione. In lui non ho mai visto il calcolo del politico, ma la spontaneità e la sincerità di colui che crede in quello che fa. Mi è stato facile condividere le decisioni di Bush fondate sull'amore della libertà, la democrazia e il rispetto per gli altri».
Io invece sono dalla parte Democratica e di ciò che Oliver Stone ha detto pochi giorni fa: «Bush ha cambiato l’America e il mondo, ha trasformato profondamente le nostre vite. Ci lascia con tre guerre: quella in Iraq, quella in Afghanistan e quella infinita contro il terrorismo. Ci lascia Guantanamo e la tortura. E un’economia sull’orlo dell’abisso»

A voi il giudizio.......
Fabio







9 ottobre 2008

Silvio Berlusconi: ecco la vera storia giudiziaria! Ha ragione Vespa o Travaglio?



In questi giorni è in atto una polemica fra Bruno Vespa e Marco Travaglio. Naturalmente premetto che considero Bruno Vespa uno dei tanti servi di Berlusconi ma riporterò la STORIA giudiziaria senza paura di smentita. Per chi non fosse a conoscenza della polemica vi invito a cliccare quì: POLEMICA VESPA-TRAVAGLIO
Ed ecco prima un breve riassunto delle vicende giudiziarie per dimostrare che:
-) Non è vero quello che dice Berlusconi sul fatto che è sempre stato assolto! In molti casi è stato salvato dalle leggi fatte da se stesso e in tanti altri grazie ai suoi avvocati che gli hanno fatto raggiungere la PRESCRIZIONE che non è altro che la scadenza di un termine processuale arrivato il quale non si amette sentenza.
ED ECCO LA SUA VERA STORIA GIUDIZIARIA
:
Tangenti alla Guardia di finanza : PRESCRITTO
Tangenti a Craxi (All Iberian 1) : 21 miliardi di finanziamenti illeciti a Bettino Craxi :PRESCRITTO
Falso in bilancio (All Iberian 2) : PRESCRITTO
Terreni di Macherio : PRESCRITTO
Corruzione giudiziara (SME) : PRESCRITTO
Corruzione giudiziara (Lodo Mondadori) :PRESCRITTO
Falso in bilancio (Caso Fininvest) : 1500 miliardi di lire di presunti fondi neri : PRESCRITTO
Evasione Fiscale (Caso Lentini) : versamento in nero di una decina di miliardi dal Milan al Torino Calcio : PRESCRITTO
Grazie alla Ex-Cirielli, varata dal suo Governo, con la prescrizione breve ancora una volta l'ex presidente del consiglio rimane impunito, senza nemmeno dover affrontare il processo.

* Beneficiario di 2 Amnistie: 1) Falsa Testimonianza in ambito P2 e Falso in Bilancio Macerio. In futuro è poi riuscito, nonostante i crack Parmalat e Cirio (anzi a causa di questi crack) ad ammorbidire le Pene in tema di Falso in Bilancio. Negli Usa è successo l'inverso a parità di problema.
* 1 Assoluzione Dubitativa: Corruzione Guardia di Finanza, Falso in Bilancio Medusa.
* 1 Assoluzione Piena: Corruzione Giudici Sme/Ariosto.
* 2 Assoluzioni per Depenalizzazione del Reato da Parte dello Stesso Imputato: Falsi in Bilancio All Iberian, Sme-Ariosto.
* 8 archiviazioni: 6 per Mafia e Riciclaggio, 2 per Concorso in Strage.
* 6 prescrizioni: Finanziamento Illecito a Craxi con All Iberian; Falso in Bilancio Macherio; Falso in Bilancio e Appropriazione Indebita Fininvest; Falso in Bilancio Fininvest occulta; Falso in Bilancio Lentini; Corruzione Giudiziaria Mondadori).
* 4 processi in corso: Telecinco (Falso Bilancio, Frode Fiscale, Violazione Antitrust Spagnola), caso Mills (Corruzione Giudiziaria), Diritti Mediaset (Appropriazione Indebita, Falso Bilancio, Frode Fiscale), Saccà (Corruzione).
* 1 indagine in corso: Istigazione alla Corruzione di alcuni Senatori.

IN ATTESA CHE SI GIUNGA A SENTENZA VERE E SENZA PRESCRIZIONI QUESTO E' QUANTO! Dopo aver letto cosa hanno detto Vespa dauna parte e Travaglio dall'altra e dopo aver letto le sue vicende traete le vostre conclusioni...

Fabio.




6 ottobre 2008

Cosa ha generato la vittoria di Berlusconi? Un'Italia migliore?



Chi vince le elezioni giocando sulle paure della gente come ha fatto la destra berlusconiana non può che generare sentimenti xenofobi e di odio razziale in molte persone. Mi piace riportare anche l'opinione di politici affermati, guardate cosa dice uno che dovrebbe fare gli interessi di tutto la cittadinanza della sua città: «Non voglio vedere neri, marroni o grigi che insegnano ai nostri bambini. Non voglio zingari che chiedono l’elemosina, clandestini che compiono atti illegali. E basta con i “phone center”, i cui avventori si mettono a mangiare in piena notte e poi pisciano sui muri: che vadano a pisciare nelle loro moschee»
Giancarlo Gentilini, prosindaco di Treviso eletto dal centrodestra.
Ansa 2 ottobre

NON HO PAROLE! Credete che vivremo in un Paese più rilassato e vivibile con questa gente al governo? Fortunatamente c'è chi si scaglia contro questo andazzo xenofobo e mi fa piacere riportare due dichiarazioni che condivido fatte da organismi diversi tra loro:
«Oggi la gente applaude alle sanzioni, vuole i clandestini in galera o respinti alle frontiere. Per convenienza però è disposta a chiudere un occhio sulle badanti. Come dire, gli immigrati che ci servono li teniamo, purché si rassegnino alle condizioni di “servi”...»
Famiglia Cristiana
«La sequenza di atti di razzismo in Italia è impressionante: Napoli, Milano, Parma, Roma. Ma c’è chi non si vergogna, da posizioni di responsabilità nelle amministrazioni pubbliche e in Parlamento, ad incitare al disprezzo verso immigrati, rom, romeni, islamici, di volta in volta. C’è un clima irresponsabile e irrespirabile di “caccia al diverso” che rischia di ammalare la convivenza nelle nostre città»
Comunità di Sant’Egidio, Ansa 3 ottobre
FABIO.





permalink | inviato da lopinionedifabio il 6/10/2008 alle 20:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



2 ottobre 2008

SILVIO BERLUSCONI: Porta mica sfiga?



Dal 2001 al 2006, quando ha governato, è successo di tutto e fra poco elencherò gli eventi più significativi e la domanda è: SILVIO BERLUSCONI NON PORTERA' MICA SFIGA???
-) E' di nuovo al governo da cinque mesi e l'economia proprio ora sta affrontando la più grossa crisi mondiale dal 1929!
-)
Notizia di oggi: L'ITALIA RADDOPPIA IL DEFICIT!!!
-) La BANCA CENTRALE EUROPEA dice che l'europa è a rischio! Stanno fallendo colossi mondiali bancari!!
-) Scoppia il conflitto fra Russia e Georgia. Dagli Stati uniti si torna a parlare di Guerra fredda...

E ora, per rinfrescare la memoria a chi ce l'ha corta ricordo cosa è successo dal 2001 al 2006 QUANDO HA GOVERNATO SILVIO BERLUSCONI:
1)
Berlusconi va al Governo e comincia la recessione dopo anni di boom clamoroso e, contro le regole d’oro dell’economia: ovvero in presenza di bassi tassi di interessi e d’inflazione bassissima.
2) Si dichiara vicino agli alleati americani al momento della vittoria delle elezioni e tirano giu le Torri Gemelle.
3) Si interessa personalmente delle fioriere e dell’organizzazione del G8, e scoppiano moti di piazza e ci scappa il morto, Non accadeva dai lontani anni 70…..
4) Decide di spostare i voli da Milano a Roma Fiumicino e cade il primo aereo da sempre a Linate, ma non in giro, sugli hangar!
5) Vicino alla sua villa di Arcore si scatena un tornado devastante che gli abitanti non ricordano a memoria d’uomo.
6) Promette che assisterà alla finale dei Mondiali a fianco dell’Italia e la Nazionale viene immediatamente esclusa agli ottavi di finale
7) Varato il primo “pacchetto” dei 100 giorni del programma Berlusconi: subito dopo si verificano 6000 licenziamenti nel settore turismo. Aggiungerei a questo proposito che dopo il varo del pacchetto sul lavoro, Berlusconi stesso ha licenziato un extracomunitario alle sue dipendenze….Terim !!!!!
Sostiene la legge Bossi Fini per risolvere il problema dell’immigrazione, e si moltiplicano gli sbarchi di extracomunitari in Italia
9) Sostiene con ottimismo la ripresa dell’economia italiana, contro ogni evidenza, e a distanza di un anno dal suo insediamento, si profila la chiusura della principale industria meccanica italiana: la Fiat
10) Dichiara che finalmente si costruirà il ponte sullo stretto di Messina e immediatamente l’Etna si risveglia!
11) Si dichiara grande amico di Putin, lo invita a casa, e parte l’escalation del terrorismo in Russia
12) Promette che con la finanziaria metterà in atto la promessa di fare qualcosa per aiutare il sud, e si scateno terremoti in tutto il Meridione
13) Da quando sono suo amico sembrava mi dovesse andare bene ed invece sul più bello … ZACCHETE mi busco 11 anni!! Saluti da PREVITI
14) invita Putin e le figlie in Sardegna, e in Cecenia scoppia il finimondo
15) il 5 ottobre augura buona partita all’Inter e questi prende una batosta. Ora manderà una lettera agli italiani. Non apritela cestinatela.

A VOI LE CONCLUSIONI..........







permalink | inviato da lopinionedifabio il 2/10/2008 alle 20:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (30) | Versione per la stampa



1 ottobre 2008

Di chi i meriti su Alitalia? E chi se li prendera'?...



Che Berlusconi abbia giocato d'azzardo sulla vicenda Alitalia e che noi italiani dovremo pagare tutti i debiti di Alitalia con i nostri soldi sono due dati di fatto (ricordo che se cedevamo ad air france noi italiani non ci avremmo dovuto mettere un soldo). Ringrazio però che per molti lavoratori si sia conclusa positivamente e ringrazio Epifani, Letta e Veltroni.
Vi propongo un intervenbto di Michele Serra sulla vicenda Alitalia dove viene scritto di chi sono i meriti e chi invece se li sta prendendo:
È stato un inatteso conforto accorgerci, in questi giorni, che a sbrigare le faccende di Alitalia (e speriamo molte altre) non è stato Berlusconi, ma il gran ciambellano Gianni Letta, uomo il cui potere (grande) è comprovato dalla totale assenza dagli schermi televisivi. Mentre il premier era impegnato in un breve e meritato ricovero in un centro anti-stress, tra massaggi defatiganti e decotti di licheni che ci auguriamo gli siano stati applicati con un esorbitante sovrapprezzo, è stato Letta, per unanime ammissione, a stringere i bulloni cigolanti dell’affaire. La breve assenza del capo dell’esecutivo ha dunque coinciso con un sostanziale passo in avanti. Possiamo considerarla una coincidenza? Certamente sì. Ma anche no, per il semplice fatto che qualche residua illusione dovremo pure averla. L’opzione Letta rientra tra queste illusioni: ci piace immaginarlo al lavoro, silenzioso e concreto, mentre il suo capo partecipa a inutili summit raccontando barzellette a capi di Stato che educatamente sorridono, oppure passeggia in uno dei suoi parchi fioriti assieme a fanciulle devotissime, o suda sulla cyclette di qualche resort per miliardari anziani. Eventuali meriti, comunque, poi se li prenderà Berlusconi, vantandosi nei telegiornali. E noi capiremo che Letta, come tutti i veri potenti, manda in televisione il suo portavoce.





permalink | inviato da lopinionedifabio il 1/10/2008 alle 19:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


sfoglia     settembre        novembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



GIRO DELL'ITALIA NUOVA DI VELTRONI
VIRGILIO NOTIZIE
WOLONTARI PARTITO DEMOCRATICO
PARTITO DEMOCRATICO
IL SOLE 24 ORE
ITALIA NOSTRA
Feltrinelli
REPUBBLICA.IT
La Stampa
BEPPE GRILLO
Corriere
ANSA
Amnesty
Emergency
Libera.it
Articolo21
Promiseland.it
Legambiente
WWF
FAI
GOVERNO
Psiche e Soma
Sampdoria
Rinascitanazionale


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom