Blog: http://LopinionediFabio.ilcannocchiale.it

il deficit pubblico dai primi anni 90 ad oggi...

L’Unione Europea dice all’Italia che deve rientrare nei parametri europei sul deficit: il centrosinistra dice che la situazione è grave dopo 5 anni di governo di centrodestra, il centrodestra grida allo scandalo e dice che è semplicemente una scusa per aumentare le tasse. In questi casi i dati sono la miglior risposta per vedere chi ha effettivamente ragione:
Dal 1991 ad  oggi il DEFICIT in percentuale del PIL è andato così:

1)     1991:  10,2% 2)      1992:   9,5% 3)      1993:   9,4% 4)      1994:   9,3% 5)      1995:   7,6% 6)      1996:   7,1% 7)      1997:   2,7% 8)      1998:   2,8% 9)      1999:   1,7% 10)  2000:   1,9% 11)  2001:   3,1% 12)  2002:   2,9% 13)  2003:   3,4% 14)  2004:   3,4% 15)  2005:   4,1% 16)  2006:   4,5-4,8% stima


IN SOSTANZA:

a)      i parametri europei sono del 3% .. se non si rientra in questi parametri o possono esserci rinvii o si viene sanzionati dall’Unione Europea.

b)      Il drastico calo del deficit è avvenuto nel 1997 grazie al Governo PRODI, non ci fosse stato questo rientro nei parametri l’Italia non sarebbe entrata nell’Unione Europea e, con i crac Cirio e Parmalat, avremmo rischiato la crisi argentina con il default per i bond

c)      Da notare che il deficit è tornato a salire decisamente durante i 5 anni di Governo di centrodestra, soprattutto dal 2003 in poi, quindi se attualmente si è costretti a ridurre la spesa e operare dei tagli la colpa è della politica del Governo Berlusconi.
Con i dati non si può mentire anche se si cerca di imbrogliare i cittadini, basta leggerli… Fabio.

Pubblicato il 1/6/2006 alle 20.30 nella rubrica ECONOMIA.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web