Blog: http://LopinionediFabio.ilcannocchiale.it

L'Italia, con il centrosinistra al Governo torna in Serie A, secondo la graduatoria annuale di Freedom House, per la libertà informazione..

Ricordate RockPolitik di Adriano Celentano che, grazie al rapporto di Freedom House, denunciò l'Italia agli ultimi posti nella libertà di informazione? L'Italia si trovava tra i paesi parzialmente liberi anche per la situazione determinata dalla presenza al governo del più grande editore italiano, Silvio Berlusconi. Bene, quest'anno, se nel mondo la libertà di stampa nel mondo ha fatto segnare un declino, almeno l'Italia si è risollavata ed è passata da essere un Paese semilibero e un Paese libero grazie al cambio di Governo.  Il merito del 'ritorno in serie A' dell'Italia, secondo lo studio, dovuto soprattutto al risultato dell'ultimo voto politico che ha portato all'allontanamento dal governo dell'ex premier Silvio Berlusconi. L'Italia "era l'unico membro dell'Unione Europea ad apparire nella categoria dei Paesi 'parzialmente liberi' - si legge nel rapporto della Freedom House - l'Italia è stata promossa nel 2006 soprattutto in conseguenza della fine dell'incarico di presidente del Consiglio del magnate dell'informazione Silvio Berlusconi". La promozione è estremamente significativa, e ha un segno politico. "Tenendo conto del fatto che era l'unico Paese dell'Unione Europea ad avere un status di semi libertà di stampa - si legge nel rapporto - l'Italia si mette in mostra tra i Paesi che hanno fatto segnare miglioramenti nel 2006. Il rating del Paese era stato abbassato nel 2003 a causa dell'eccessiva concentrazione dei media e dell'influenza politica sui contenuti dell'informazione durante il governo del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
Non ho altro da aggiungere...
PS: Andando in home page e scorrendo i post si possono ancora votare i sondaggi sulle persone piu' carismatiche del centrosinistra fra DS, Margherita e società civile..
Fabio.

Pubblicato il 2/5/2007 alle 16.43 nella rubrica CONFLITTO DI INTERESSI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web