Blog: http://LopinionediFabio.ilcannocchiale.it

Mentre berlusconi si fa fare 1 spot elettorale da chi esporta la democrazia con la guerra..L'ISTAT..

Crescita zero per l'economia italiana nel 2005. Lo rende noto l'Istat in un comunicato precisando che la crescita del Pil, valutata ai prezzi dell'anno precedente e concatenati al 2000 (anno di riferimento), è risultata pari a zero.L'indebitamento netto della pubblica amministrazione, cioè il deficit calcolato in rapporto al Pil, è aumentato nel 2005 arrivando al 4,1%. «L'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil nel 2005 - segnala l'Istat - è risultato pari al 4,1% rispetto al 3,4% dell'anno precedente. In valore assoluto è aumentato di 10.265 milioni di euro, attestandosi sul livello di 57.917 milioni».Sono stati persi circa 102.000 unità di lavoro, ovvero di posti a tempo pieno. L’istituto di statistica ha specificato che nel 2005 l'occupazione - espressa in termini di unità di lavoro al netto della cassa integrazione - ha segnato un calo dello 0,4%.
Dal punto di vista settoriale si registra un crollo nell'agricoltura (-8%) e una diminuzione nell'industria (-1,6%) mentre cresce l'occupazione nelle costruzioni (+2,3%) e nei servizi (+0,3%).
Un duro attacco alla politica economica attuata dal governo è giunto dal presidente dei Ds, Massimo D'Alema. «Ci sono due numeri - spiega D'Alema - che rendono chiara l'opera del Governo Berlusconi: nel 2005 l'Italia è cresciuta dello 0%, cioè assoluta stagnazione economica. Invece i profitti dell'azienda di Berlusconi si sono moltiplicati per due e hanno raggiunto il massimo storico, in particolare i profitti personali sono pari a 390.000 euro al giorno».«Allora l'Italia - spiega ancora D'Alema - ha guadagnato zero, Berlusconi invece ha guadagnato come mai aveva guadagnato in vita sua. Il che ci fa capire - ha concluso -che non è vero che sta a Palazzo Chigi a non fare nulla, qualcosa fa, ma non per noi.»
L’Italia può tornare a crescere, a generare posti di lavoro, a risanare i suoi conti solo se una classe dirigente capace e seria riprende in mano le redini del governo

http://www.incontriamoci.romanoprodi.it/

Pubblicato il 2/3/2006 alle 10.39 nella rubrica ECONOMIA.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web